Pedullà: “La Juventus insegna che le grandi società hanno grandi nomi tra i dirigenti. La Fiorentina deve fare mercato nell’ombra”

L’esperto di mercato Alfredo Pedullà è intervenuto a Radio Bruno Toscana per analizzare le voci di mercato che riguardano la Fiorentina: “Le ultime parole che arrivano dal Portogallo fanno pensare ad un addio di Rui Costa. Convivenza con Corvino? Le grandi società hanno grandi nomi: basta pensare alla Juventus, in cui ci sono Marotta, Paratici e Nedved. Basta capire quale saranno i ruoli, anche se l’innesto di Rui Costa sarebbe veramente un gran colpo per la Fiorentina. Distribuire bene i ruoli è un passaggio decisivo prima di iniziare il mercato. La Fiorentina deve essere brava a fare mercato sotto traccia, senza fare uscire i nomi. Praet era quasi preso, poi è arrivato il Siviglia che l’ha letteralmente soffiato ai viola. Gollini? Mi risulta che fosse stato seguito dalla Fiorentina, ma non si tratta di una priorità. I viola hanno bisogno di un portiere alla Sportiello, che è però già stato bloccato dal Napoli. Gli identikit sono due: o un ottimo portiere, come Sirigu, o un giovane che però ha già fatto vedere di che pasta è fatto”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

4 commenti

  1. Eravate tutti con prade’ a trattarlo vero…o sono i giornalai che le sparano e voi le bevete tutte come medicine….
    Mi ricordo qualche anno fa un giornalaio di bassa lega della Nazione (bassa è un complimento) imprecava contro Corvino perché non c’era verso di sapere nulla e lui, il giornalaio, doveva scrivere qualcosa ANCHE SE AVREBBE PREGIUDICATO IL BUON ESITO DELLE TRATTATIVE anche in termini economici o peggio PER LA TEMPISTICA.Allora:
    Primo: se il giornalame non ha da scrivere nulla non ne ne frega un accidente e non deve passare sugli interessi della società, ci sono purtroppo tanti disoccupati…c’è ne può essere qualcuno in più …
    Secondo: pertanto prendere per oro colato quello che viene scritto che sicuramente ha il 5% di verità è infantile…
    Terzo: da quella volta non ho più sentito una trasmissione di quela radio, non so n nemmeno se esiste ancora..era femminil

  2. MA NON VI RENDETE CONTO CHE è SEMPRE LA STESSA SRORIA? QUSNDO E’ COLPA DI UNO, QUANDO DI UN ALTRO, CI SOFFIANO TUTTI I GIOCATORI SOTTO IL NASO, IL MOTIVO’ SIAMO DEI POLLI MA DI QUELLI CON LE ZAMPE GIALLE. ADESSO PADULLA’ CI VIENE A DIRE LA GRANDE VERITA’: GLI ACQUISTI VANNO FATTI DI NASCOSTO, SOTTOTRACCIA, MA GUARDA,! NON LO SAPEVANO? CREDEVANO CHE SBANDIERARE I VARI COLPI AVREBBE EVITATA LA CONCORRENZA” INCOMPETENZA VA BENE MA QUESTA SAREBBE DABBENAGGINE. CREDO INVECE CHE LA STORIA SIA DIVERSA E CIOE, FAR CREDERE DI PUNTARE I VARI PRATET E CO, SBANDIERARNE L’INTERESSE IN MODO CHE LO PRENDANO ALTRI PER POI DIRE “CI ABBIAMO PROVATO MA E’ ANDATA MALE”. UNA VOLTA VA BENE, DUE ANCHE, MA POI LA STORIA DI AL LUPO AL LUPO NON FA CORRERE PIU’ NESSUNO…..

  3. Praet è stato trattato personalmente da Cognigni e Ramadani(notizie stampa),Pradè messo da parte.Risultato?Praet che secondo le varie testate(Nazione,Stadio,Tmw,e i vari Bucchioni)era già preso,acquistato,andrà come M.Savic ad un’altra squadra,come Lisandro ecc ecc ecc.Corvino non prende giocatori trattati da chi c’era prima di lui

  4. Mi duole doverlo dire ma questa volta la vedo come Pedullà

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*