Questo sito contribuisce alla audience di

Pek dipendenti

PizarroInterC’era anche chi lo voleva rimandare in patri a gennaio, ma David Pizarro, con i suoi pregi e i suoi difetti, è ancora il fulcro del gioco della Fiorentina. Certo a volte fa perdere anni di vita con giocate al limite o con errori che fanno trasalire, ma alla fine dei conti il gioco dei viola passa dai suoi piedi e dalle sue geometrie. Può piacere o meno, ma è sempre lui ad imbastire l’attacco della Fiorentina ed è stato evidente anche ieri sera quando il gioco viola è praticamente finito con la sua uscita al terzo del secondo tempo. Oggi sapremo l’entità dell’infortunio muscolare che probabilmente lo terrà fuori almeno nella trasferta di Napoli.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

16 commenti

  1. siamo una grande squadra e come tale non dobbiamo dipendere da nessuno! Si deve giocare da squadra! Niente scuse x le assenze!

  2. Pizzarro non è determinante,Ilicic quasi inutile,Aquilani idem, Gonzalo bravo ma troppo falloso,si rischia sempre un rigore contro,Gomez ancora lontano dalla forma,Cuatrado posizione sbagliata e per finire Montella,bravino ma ancora troppo giovane e acerbo,Conte logicamente con più esperienza lo ha battuto.

  3. non sono d’accordo con quanto sostenuto dall’articolo su Pizarro. Per carità è un gran giocatore ma non dipendiamo da lui tanto quanto dipendiamo da Rossi o Valero.
    Nel primo tempo la mole di gioco espressa è stata, in gran parte, merito della juve che ha praticamente tenuto il ritmo (suo) basso fino al 60° per poi mettere la quinta e giocarsi gli ultimi 20/30 minuti come i primi 20/30 dei due match di Torino con la differenza di trovarsi di fronte un avversario più stanco.

  4. Concordo keonilda…

  5. FRANCO 48 – fai un sacco di discorsi e poi….la sintesi e’ che se al posto di Ilicic ci fosse stato un vero giocatore, una seconda punta di movimento tipo Rossi o David Villa o forse anche Osvaldo, si sarebbe vinto. Il tiro splendido di Pirlo, la difesa un po in affanno (e’ solo!!!) di Gonzalo e un mezzo giocatore come Ilicic in un ruolo cruciale…..direi che non sono daccordo su palle al piede e via, solo da perfezionare l’organico

  6. Quanto sia fondamentale un giocatore per una squadra lo si deve valutare nell’ arco di una stagione o più (vedi Pirlo nella juve). Quindi non concordo sul fatto che noi si è cileno dipendenti. Pizzaro e Aquilani, con il loro gioco lento e orizzontale sono due palle al piede di questa squadra. Comunque ieri si è perso non per colpa dei terzini o del centrocampo, ma perché gli attaccanti non hanno saputo sfruttare le occasioni avute (clamorosa quella di Ilicic)

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*