Pepito, la Fiorentina può regalarti la riserva di lusso

Auspicio di tutti quanti è che Giuseppe Rossi torni, a partire dal ritiro di Moena, il più efficientemente possibile, senza dover fare i conti con i problemi fisici. Scenario forse un po’ ottimistico ma d’altra parte l’attaccante viola ha saltato di netto un’intera stagione e l’ha fatto proprio per recuperare al massimo le sue possibilità di fare il calciatore. Secondo La Gazzetta dello Sport però, la società viola potrebbe affiancargli, dalla prossima stagione, un calciatore dal talento molto simile e dall’esperienza ed affidabilità conclamata. Si tratta di Antonio Di Natale, da sempre obiettivo della Fiorentina. Se l’attaccante e capitano dell’Udinese decidesse di separarsi dai friulani e di continuare con la Serie A (sottolineiamo però che gli anni per lui sono 38), la Fiorentina sarebbe in pole position per offrirgli un contratto annuale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

7 commenti

  1. Suvvia, non discutiamo Di Natale che va sempre in doppia cifra e sforna assist dappertutto!! Toni quest’anno secondo cannoniere della serie A e ancora non è finito…

  2. Se invece di Di Natale prendiamo due validi giovani di 20 e 18 anni il risultato non cambia, almeno numericamente.

  3. Di Natale è bastato un giocatore immenso , ma non vorrei che invece della riserva dovesse fare il badante di Rossi .

  4. Ci vogliono i giovani e sani basta con le scommesse solo GIOVANI!!!

  5. Mario Faccenda

    Per cortesia evitiamo di parlare di Rossi ed inserirlo in qualsiasi forma di notizia prima che possa sopportare 20 min di corsa col pallone. Rispettiamo il suo e nostro dramma. FV.

  6. Su Pepito è meglio non farsi tante illusioni,perchè non so se possa ritornare ai livelli
    di prima dell’ultimo infortunio.

  7. enrico(il saluzzese)

    Certo che abbiamo di che stare allegri!!Di natale?Sulla soglia dei 40 anni!!!E poi basta parlare di Rossi questo per ben che vada farà ancora lavorare i dottori altro che giocare!!Parliamo di giovani che forse ci torna la voglia di tifare e di tornare allo stadio.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*