Pepito non resta che aspettare te dal dischetto

image

Ad oggi l’ultimo calcio di rigore realizzato dalla Fiorentina in campionato è quello che Giuseppe Rossi segnò contro il Torino, nell’ultima giornata del torneo scorso. Un penalty classico dei suoi, aspettando la mossa del portiere per poi calciare dalla parte opposta. Poi il buio, perché Pepito si è fatto male d’estate e Montella ha dovuto cercare un nuovo battitore; Gonzalo il principale indiziato ma per l’argentino è arrivato l’errore, dopo quattro segnature sparse tra le prime due stagioni. Poi l’errore di Gomez a Parma, quello di Babacar con il Toro e Diamanti con il Verona. Eppure durante la scorsa stagione la Fiorentina fallì appena un rigore, per altro ininfluente ai fini del risultato, con Pizarro nel 3-1 contro il Chievo. Dopo il k.o. a gennaio di Rossi, Gonzalo e Aquilani due volte e Matri una erano stati freddi dagli undici metri. Quest’anno va male a tutti in campionato, non a Gonzalo in Europa per fortuna (e a Cuadrado in Coppa Italia). Sembra proprio che si debba attendere Pepito per recuperare tranquillità dal dischetto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA