PERCHE’ PUNTO, NONOSTANTE TUTTO, ANCORA SU ROSSI

Rossi Rigore Torino

C’è un dilemma che angustia i tifosi della Fiorentina e, forse, lo stesso Paulo Sousa: accantonare, almeno momentaneamente, Giuseppe Rossi o continuare a coltivarlo in attesa che sbocci nuovamente? Non è una scelta semplice sotto il profilo calcistico ma anche umano. E, qualunque sia la strada che verrà intrapresa, non ci sarà possibilità di controprova. Oggi Rossi non è a livello del resto della squadra, Sousa l’ha detto con chiarezza. I mali fisici sono stati superati, la condizione atletica ripristinata, quella mentale ancora no. Rossi ha nel suo Dna i geni del fenomeno. Al momento l’unico che veste la maglia viola. Ma quei geni sono come andati in letargo. La capacità di Pepito di “vedere” il futuro prossimo, facendosi trovare sempre nel posto giusto al momento giusto, nell’anticipare mosse e intenzione degli avversari, nel rubare il tempo a difensori e portieri è una dote che non si inventa, magari la si affina col tempo e con l’esperienza, ma o ce l’hai o non ce l’hai. E Rossi ha dimostrato di averla e di saperla sfruttare al meglio. Come non ricordare i 14 gol in 17 partite nella stagione 2013/14, prima del nuovo infortunio a Livorno. Subito in rete già alla prima giornata di campionato contro il Catania (era il 26 agosto 2013). Poi la doppietta al Genoa nel pirotecnico 5-2 finale (doppietta pure di Gomez, quante illusioni in quel momento…). Impossibile da scordare la tripletta nell’ormai leggendaria rimonta contro la Juventus da 0-2 a 4-2 il 20 ottobre successivo. Una partita che è entrata di prepotenza nella storia della Fiorentina, autentico antidepressivo per qualsiasi tifoso viola, con Rossi super protagonista. E fu proprio una magia di Pepito a risolvere qualche giorno prima di Natale la partita contro il Sassuolo che sembrava imbalsamata sullo 0 a 0. Ho ricordato queste tappe perché ognuno abbia bene in mente cosa significa per una squadra, avere un Rossi in più E cosa potrebbe comportare un suo risveglio, anche tardivo, per questa stagione della Fiorentina. Così, nella grande roulette del campionato, punto ancora le mie fiches sul Rossi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

23 commenti

  1. I ricordi non servono a niente, Rossi, al momento, non può essere impiegato in gare di cartello, perchè non ha la condizione per farla, va proposto in gare meno impegnative, sempre con maggior minutaggio; la speranza è di vederlo ritornare al massimo, ma fino ad ora lo vedo al 50%

  2. Perch’ pervenuto su ilicic e altri e non capisco che Rossi non gioca da 2 anni e questo è quindi un anno di transizione x lui che gli va dato tempo e minuti in campo ma magari in coppa

  3. Rinasce, rinasce! e ci servirà più avanti, però deve giocare dietro le punte e non prima punta!

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*