Perra: “Nessuna proroga per lo stadio della Fiorentina, ecco quale sarà il termine ultimo”

Stadio8

Lorenzo Perra, assessore all’Urbanistica del Comune di Firenze, ha parlato in Consiglio Comunale a proposito della situazione stadio. Ecco le parole, riportate da ilsitodifirenze.it: “Incontro tra Palazzo Vecchio e Mercafir? L’incontro è avvenuto il 22 di luglio, non soltanto con AGOFI, ma con tutti gli operatori. Abbiamo stabilito la necessità di discutere nel merito, di non parlarsi tramite i giornali ed altre forme indirette. Le posizioni sono chiare. Quella dell’Amministrazione è che in questo momento esiste un percorso avviato che è quello dell’Osmannoro, dove c’è un iter avviato di variante (urbanistica, ndr), che ora è in fase tecnica. Non sono stati presi contatti (con i proprietari dei terreni dell’Osmannoro, ndr), questo poiché la variante è ancora in fase tecnica e finché non è approvata la variante non è possibile apporre alcun vincolo e procedere in alcun modo. Abbiamo chiesto ai rappresentanti di Mercafir di verificare se le perplessità e i dubbi in materia di logistica, di viabilità e anche di dislocazione nell’area siano o meno confermate. Noi riteniamo di no e ci siamo dati appuntamento per una serie di riunioni tecniche (da settembre in poi, ndr). Siamo consapevoli – ha spiegato Perra – delle reciproche posizioni, ma siamo disponibili ad affrontarle e a discuterne. Questo non significa che c’è un mutamento delle posizioni, ma ci potrebbe essere laddove questi punti dovessero essere sciolti. Sulla proroga (ovvero se la Fiorentina chiedesse una seconda proroga per presentare il progetto definitivo, ndr) mi è stata fatta un’espressa domanda (dai rappresentanti di Mercafir, ndr) . Io ho risposto no: non c’è motivo di doverla concedere e di doverlo fare. Sulla parte del PUE (Piano Urbanistico Esecutivo, ndr) c’è un percorso che ha una delibera che dà mandato a me a agli uffici della Direzione Urbanistica di verificare il permanere dell’interesse pubblico del PUE di Castello. Questo è un percorso che non necessariamente preluda a qualcosa. Noi possiamo programmare nei limiti di ciò che sono i diritti altrui, ma non dove non è possibili farlo”.

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

1 Commento

  1. Sento parlare sul Nuovo Stadio delle CAVOLATE DA RICOVERO ALLA NEURO… il FRANCHI è monumento nazionale e ci sono vincoli dei Beni Artistici.. Come si può adattare uno Stadio degli anni 30 con uno stadio del TERZO MILLENNIO ? Si fa un OPERA OSCENA… O SI FA NUOVO o meglio non far NIENTE.. Solo in ITALIA si PROPONGONO SIMILI COSE… Se dobbiamo andare avanti con le toppe meglieo CHIUDERE BARACCA E BURATTINI.. Sembra che facciamo un favore ai DV il vantaggio deve essere per i tifosi. Se FIRENZE non dona i terreni per fare lo STADIO NUOVO… SIAMO TIRCHI. Quando una città come FIRENZE non trova i TERRENI per dare una casa alla FIORENTINA… meglio SMETTERE CON IL CALCIO. L’impatto di un Impianto Nuovo fa più effetto anche sui giocatori. Vi sembra logico che un Campione viene a FIRENZE con lo Stadio con LE TOPPE ? SI CRITICA I DV che hanno il BRACCINO… ma anche a FIRENZE… non siamo migliori dei DV… braccino. NONM C’E’ POSTO PER LA FIORENTINA ? CHIUDIAMO TUTTO !!!!!!!!!!!!!!

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*