Questo sito contribuisce alla audience di

Pioli e l’antichissimo feeling con Thereau: a lui le “redini” di Simeone

Il battesimo italiano di Cyril Thereau risale ormai a sette anni fa, quando il Chievo lo pescò in Belgio e lo consegnò all’allora tecnico Stefano Pioli: giusto un paio di reti alla prima stagione ma una crescita costante da lì in poi, sotto la guida di molti altri tecnici. All’attuale allenatore viola però, l’attaccante francese è sempre piaciuto ed è stato proprio lui a sponsorizzarne l’arrivo nel finale di mercato, come riportato da La Nazione. Merito anche del vecchio feeling che si era instaurato tra i due ai tempi del Chievo: con tanta Serie A in più sulle gambe, Thereau oggi è pronto a rappresentare un po’ il punto di riferimento dell’attacco, sotto il profilo dell’esperienza. Sarà lui a governare la garra e la generosità di un Simeone apparso fin troppo solo per adesso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

2 commenti

  1. L’estate sta finendo …

  2. Se è vero che gioca sia Thereau che Simeone mi piacerebbe sapere come Pioli impiegherà il francese. Dietro a Simeone nei 3 ? a destra e Chiesa a sinsitra o viceversa ? in tutti i modi così sarà sacrificato uno tra Saponara e Dias e, se per caso il sacrificato fosse Saponara, dei tre nel 4-2-3-1 non c’è nessuno che torni in copertura come il modulo vorrebbe, a parte forse Chiesa che si sacrifica anche se non richiesto. E così si torna con 2 a centrocampo contro 3 o 4 degli avversari ed è facile indovinare come possa finire la battaglia a centrocampo. A sua volta, il peso ricade di nuovo sulla difesa che, ad oggi, è il reparto più discutibile, meno amalgamato e più insicuro. Boh…ho paura che Pioli debba rivedere, ma alla svelta, il suo modulo di gioco perchè di giocatori davvero validi per il 4-2-3-1 mi sembra che non ne abbiamo.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*