Questo sito contribuisce alla audience di

Pioli: “La disfatta dell’Italia può essere l’occasione per rilanciare il sistema. C’è soltanto da rimboccarsi le maniche”

Arriva anche il commento del tecnico della Fiorentina Stefano Pioli a proposito della mancata qualificazione dell’Italia ai Mondiali 2018. Di seguito le sue parole rese note dall’Ansa: “Fa male pensare a un Mondiale senza l’Italia, ma in altri Paesi disfatte di questa portata sono diventate occasioni per rilanciare un intero sistema. Mi auguro possa avvenire lo stesso anche da noi. E’ sicuramente un colpo durissimo per tutto il movimento del calcio italiano ma, come detto, l’auspicio a questo punto è rimboccarsi le maniche e adoperarsi tutto al suo rilancio”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

4 commenti

  1. A parte il solito commento ridicolo di fabio 83 sarebbe veramente una occasione per ristrutturare il sistema calcio in Italia mettendo persone competenti nei posti giusti ma come in politica per cacciare i responsabili di questo scempio è praticamente impossibile perchè si sono circondati da una marea di sissignore e anche la stampa come sempre non prende posizioni scomode..tavecchio non ha la minima intenzione di dimettersi e ventura se ne andrà con un bel milioncino alla faccia della dignità..che schifo..FV

  2. Pensiamo per noi.

  3. pensate a sudare…spero vi abbassino gli stipendi…siete troppo privilegiati..

  4. Alberto viola club roma

    In un campionato dove il 90% e oltre sono giocatori stranieri, è quasi impossibile fare una buona squadra nazionale, bisogna fare in modo con una legge idonea che in campo vadano al massimo 4/5 stranieri, così anche per le squadre primavera ormai anche loro piene di stranieri. Le società saranno libere di acquistare quanti stranieri vogliono anche perché x la legge non può vietare ma in campo appunto solo 4/5 alla volta,in questo modo ci saranno più giocatori italiani in campo con più possibilità di emergere. Inoltre metterei un mister par- time che potrà allenare sia la squadra di club che la nazionale.Capisco che questo concetto sarà difficile da digerire ma in un mondo di professionisti non si può pensare che non voglia dare il meglio in tutte e due le squadre.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*