Questo sito contribuisce alla audience di

Pioli: “Simeone ci sta dando un grande apporto e nessuno strappa come Chiesa. Per noi è l’ora di fare la differenza”

L’allenatore della Fiorentina Pioli ha parlato in sala stampa dei suoi attaccanti e di Chiesa e Simeone in particolare: “L’abbiamo già fatto a partita in corso (i due attaccanti centrali insieme ndr), mai dall’inizio, non credo che Thereau sia molto lontano da essere una seconda punta. Quando abbiamo avuto la possibilità di schierare tre giocatori offensivi abbiamo ottenuto buoni risultati sia come esito finale che come prestazioni, sono tutte situazioni che si evolveranno nel corso della stagione e in base a come staranno i giocatori. Simeone? La mia opinione non è cambiata, perché è normale che da un centravanti ci si aspetti la finalizzazione o l’assist ma io credo che a Roma abbiamo creato tanti presupposti per essere pericolosi e lui ha fatto un ottimo lavoro nella fase offensiva. Che debba crescere ancora molto sì, ma è alla seconda stagione in Italia e sta dando un grande apporto al nostro attacco. La nostra evoluzione? Siamo un gruppo di lavoro molto giovane, il più giovane, per cui è inevitabile che possiamo crescer ancora tanto ed è normale che qualcuno sia più avanti e mi dia più garanzie. Bisogna cominciare a mettere in campo prestazioni all’altezza della nostra qualità perché credo che ne abbia di buone e, a parte un paio di scivoloni, abbia sempre giocato alla pari degli avversari. Ma è il momento di metterci quel quid in più che fa la differenza in Serie A, tra vincere o perdere. Le prime cinque sono di altro livello, e domenica ne abbiamo affrontata una, ma con le altre la differenza è minima e basta poco per vincere o perdere. Chiesa penalizzato in fascia? Federico ci sta dando tanto in fase offensiva, dipende dall’interpretazione che si dà al ruolo. A Ferrara è stato più pericoloso quando ha fatto tutta la fascia, perché la partita la facevamo solo noi. Che poi debba crescere in entrambe le fasi sì, ma sa strappare come pochi, salta l’uomo e calcia con entrambi i piedi per cui l’idea è di sfruttarlo per le sue caratteristiche”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*