Questo sito contribuisce alla audience di

Pippo Russo: “Società da Premio Ignobel. Il disastro perfetto comincia dal mercato”

Il giornalista e simpatizzante viola Pippo Russo ha detto la sua sul momento della Fiorentina a calciomercato.com: “La catastrofica eliminazione per mano del Borussia Mönchengladbach è il perfetto sigillo di uno sfascio viola talmente rotondo da sembrare programmato. Come disegnato con cura a tavolino. E ovviamente quella del disegno a perdere è soltanto un’impressione in nessun modo collegata con la realtà. Tanto più che, se fosse vero il contrario, dovemmo pensare che dietro tutto ciò vi sia la mano di un genio del Male. Invece in Fiorentina il genio scarseggia in ogni settore, tanto quanto i programmi, e dunque possiamo soltanto registrare per l’ennesima volta una verità sacrosanta: che la catastrofe epica può essere opera anche di praticoni e arruffamatasse, di talenti dilettanteschi ma capaci di far danni da iper-professionisti. La Fiorentina di oggi è questo, una società priva di rotta ma con l’ambizione di scoprire un’altra America. E di questa totale assenza di progetto (termine che, non per caso, è di recente scomparso dal vocabolario minimo viola dopo che negli anni recenti se n’era fatto abuso) si ha un riflesso impietoso nelle operazioni di calciomercato. Che in questa stagione 2016-17 sono state da Premio Ignobel, come peggio non avrebbe saputo fare un ragioniere del catasto chiamato d’urgenza a tappare la falla.

Ciò considerato, sarebbe adesso troppo facile prendersela con la strana coppia che ha governato le campagne trasferimenti estiva e invernale, formata da Carlos Freitas e (soprattutto) Pantaleo Corvino. Sarebbe facile e dovuto, dato che per ruolo i due portano la responsabilità dell’area tecnica e delle operazioni di mercato. E però scagliarsi addosso a loro sarebbe applicare per l’ennesima volta la logica del capro espiatorio (come del resto si sta già facendo con Paulo Sousa, che a Firenze aveva già fatto il suo tempo alla fine della prima stagione), regalando un alibi a chi invece, più in alto nelle gerarchie viola, porta la responsabilità d’avere affidato compiti tanto importanti a due tipi così inadeguati. In fondo, Freitas e Corvino hanno fatto ciò che gli analisti seri s’aspettavano a inizio stagione: si sono dimostrati totalmente incapaci di assolvere i loro ruoli. Se a guidare una Ferrari in pista mettete un autista dell’Ataf, vorrete mica incolpare quel poveraccio per il penoso rendimento della vettura? Così è per i due.

E poi c’è Pantaleo Corvino, pover’uomo. Era già un obsoleto arnese quando cinque anni fa lasciò Firenze per la prima volta dopo l’umiliante 0-5 al Franchi contro la Juventus. E dopo una pausa di tre anni era rientrato a Bologna, dove ha lasciato un’eredità i cui frutti sono visibili in questa men che mediocre stagione rossoblu. Trovare nella sede del Bologna qualcuno che ve ne parli bene è una sfida estrema. E però la Fiorentina ha deciso di riprenderselo la scorsa estate, per ragioni la cui comprensione richiede la consulenza degli aruspici. Averlo rimesso lì è qualcosa che assomiglia molto all’accanimento terapeutico. Certe cose non si fanno, è una questione di bioetica prima che di pallone.

E però, ribadisco, prendersela con un gatto sdentato e una volpe spelacchiata significherebbe andare fuori strada. E le stesse operazioni di mercato aiutano a spiegare perché. In questo senso, basta prenderne come esempio due e dimostrare che la logica con cui è stata condotta la campagna trasferimenti viola durante questa stagione sia la medesima delle stagioni precedenti, quando Freitas e Corvino non c’erano.

I due casi in questione riguardano Kevin Diks e Hernan Toledo. Arrivati in estate e andati via d’inverno, nel quadro di operazioni con due club di cui molto si chiacchiera. Diks, esterno destro olandese, è arrivato in estate per 2,8 milioni, proveniente dal Vitesse Arnhem, club che è notoriamente un satellite del Chelsea. E qui entra in ballo una lunga e complessa trama di mercato fra il club viola e quello di Roman Abramovich. Una trama che parte con la cessione di Cuadrado ai Blues, passa per la penosa gestione del Dossier Salah (altra desolante prova di pressappochismo manageriale viola), registra un ulteriore passaggio col trasferimento di Marcos Alonso in Inghilterra, concluso a una cifra talmente sovrastimata da sembrare un parziale risarcimento per il citato Dossier Salah, e ha una successiva puntata proprio nella fugace avventura di Diks a Firenze. Tutto un giro che, al pari di quello che per un certo periodo è stato condotto assieme al Manchester City (Nastasic, Micah Richards, Savic), porta la firma della banda Zahavi-Ramadani. A quei livelli Corvino non vede palla nemmeno se la fa lui. A ogni modo, resta il fatto che Diks sia stato una presenza irriilevante per la Fiorentina: ben 5 minuti giocati (2 contro il Cagliari, 3 contro il Napoli). A gennaio è stato rimandato al Vitesse, secondo uno schema classico del calciomercato all’italiana: si compra all’estero un calciatore a titolo definitivo in estate, non lo utilizza per nulla nella prima metà della stagione, e poi a gennaio lo si ridà in prestito al club da cui lo si era acquisito. E ovviamente i soldi spesi restano spesi, dunque si è pagato un club per ridargli il giocatore.

L’altro caso è quello dell’argentino Hernan Toledo, esterno sinistro che non ha mai giocato con la prima squadra viola e si è dimostrato scarso pure per la Primavera. Il suo prestito biennale sarebbe stato pagato 800 mila euro, e secondo una dichiarazione del presidente viola Mario Cognigni il riscatto sarebbe costato 30 milioni di euro. Cifra che adesso suscita ilarità. La Fiorentina l’ha preso dagli uruguayani del Deportivo Maldonado, club chiacchieratissimo dietro il quale si celano fondi d’investimento molto potenti. Fra l’altro, vanno citati altri due calciatori uruguayani presi nell’estate 2015 (Baez e Schetino), anch’essi dati in prestito e spariti dai radar. La recente passione della Fiorentina per l’Uruguay (da segnalare anche Maxi Olivera, arrivato la scorsa estate) è davvero notevole. Nei giorni scorsi Toledo è stato rispedito in Argentina, al Lanus. Si parla di rescissione del contratto, ma anche in questo caso la cifra spesa per il prestito biennale dovrebbe andar persa. E se si tratterebbe 0,8 milioni, che sommati ai 2,8 dell’acquisto di Diks fanno 3,6 milioni bruciati senza un perché. Come tanti altri che se ne sono andati durante il mercato estivo (ne parleremo), e che testimoniano quanto sia inesatto accusare la Fiorentina di non spendere. Piuttosto, spende malissimo e per ragioni che sul piano della valutazione tecnica risultano imperscrutabili. E adesso che gira impietosamente per il web il video con una dichiarazione estiva di Andrea Della Valle (“Toledo non è una scommessa, ma un colpo del nostro direttore Corvino”), sarebbe il caso di stoppare i nuovi “colpi del direttore” di cui già i trombettieri della stampa favoleggiano: uno in Brasile e due col solito Partizan Belgrado. Forse sono solo voci, e è bene che tali restino. Così come è bene che Freitas se ne torni in Portogallo a scegliersi un paio di nuovi cinturoni, e che Corvino se ne torni in Salento a godersi una vecchiaia più dignitosa di questa. C’è da pianificare immediatamente la nuova stagione dopo cotanto sfascio, e da cambiare un registro che negli anni più recenti ha portato alla situazione attuale. Ripartendo ovviamente dall’intoccabile Mario Cognigni, il deus ex machina di Casette d’Ete prestato al calcio da uno scherzo del destino cinico e baro. E bisogna farlo subito, ché di tempo se n’è perso già troppo”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

26 commenti

  1. Bravo Pippo Russo,
    Sacrosanta verità, mi piacerebbe che tutto questo fosse spiattellato alla prima occasione ai diretti interessati.
    Oltre a Dicks e toledo avrei speso due paroline anche per dragoski ( pagato credo 3 mil.)
    Mai utilizzato e ripudiato con l,acquisto di Sportiello.

  2. Finalmente una persona che scrive la vera e cruda Verità!!!!
    Inutile continuare a prendersela sempre con allenatore, che avrà le sue colpe, ma continua giocare senza terzini, una squadra senza terzin sia destri che sinistri di ruolo in serie A ma quando mai è esisto un caso simile? a Fiorentina ha reso possibile impossibile, fate voi…
    Volete continuare a fare gli abbonamenti senza Se e senza Ma…Fateli ma enza ogni volta colpevolizzare l allenatore di turno, storia gia vista con Prandelli poi Montella ora Sousa, il prossimo?

  3. Altre volte li ho criticati gli articoli di Pippo Russo, e anche questo mi sembra eccessivamente denigratorio del lavoro altrui. I conti si dovevano fare a Maggio, e Maggio si avvicina. E Pippo Russo si avvicina sempre di più all’avere ragione. Corvino qualcosa deve fare per salvare quello che ha combinato quest’anno. C’era una logica in quello che ha fatto e scelto di fare. L’ha spiegata, ma è andata male, ora, continuare con Sousa significa perdurare nell’errore. Corvino deve fare solo una cosa, sostituire Sousa con un uomo di sua assoluta fiducia e salvare il fine stagione e parte della sua campagna acquisti al ribasso, salvando, parzialmente, anche sè stesso. Lo DEVE fare. Se si incaponisce, è idiotismo. E l’anno prossimo qui non deve stare.

  4. Analisi perfetta, è una fotografia della penosa realtà in cui versa la Fiorentina.

  5. vortexsurfer

    Mi chiedevo dove fossero i lecchini, ed ecco che arriva lorenzogobbo.

  6. L’articolo ha una sua logica, mi chiedo però quale sia il ruolo dei della valle. Proprietari distratti o consenzienti a un certo modo di agire? E perché tengono cognigni, incompetente di calcio, senza nessuna sintonia con la città e non in grado (a detta loro) di far guadagnare la società?

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*