Questo sito contribuisce alla audience di

Pistocchi: “Fiorentina imbarazzante, c’è stata troppa presunzione. Sull’esonero di Sousa…”

Maurizio Pistocchi, giornalista di Premium Sport, ha parlato a Radio Bruno Toscana: “La debacle della Fiorentina in Europa League è stata una pagine nera della storia viola. Colpa di Sousa o dei giocatori? Quello che abbiamo visto in campo è stato imbarazzante, c’è stata troppa presunzione in quei quindici minuti in cui è crollato tutto. Un buon allenatore con un gruppo di giocatori mediocri può fare poco, un buon allenatore con ottimi giocatori può fare tanto. Prima di esonerare Paulo Sousa bisogna pensarci, anche se il distacco che sembra esserci tra allenatore e società e anche verso un certo gruppo di giocatori deve far riflettere”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

12 commenti

  1. Storie già viste, a partire da Prandelli fino ad arrivare ad oggi.
    Questo è ciò che vuole una società assente, ovvero un capro espiatorio, che come sempre è l’allenatore. Ma il vero marcio è di coloro che promettono e non mantengono, è di coloro che sono buoni a parlare ma i fatti stanno a zero, è di coloro che della Fiorentina non interessa nulla ma utilizzano la stessa come brand per ottenere ulteriore notorietà.
    Mi ricordo la conferenza di Montella quando disse che con questo budget e giocatori sono stati raggiunti obiettivi e traguardi oltre le aspettative, ma anche li tutti a buttar fango su Montella, e ancor prima di lui lo disse Prandelli…forse non avevano poi così torto no?!?!ma cmq sono stati criticati ugualmente…pertanto è inutile prendersela con Sousa, oggi tocca a lui domani ad un altro. Sarà sempre così fino a quando la società non sarà capace di programmare ma soprattutto avere un po’ di passione e soprattutto investire.

  2. Detto questo, non giustifico ne sousa e ne i giocatori anzi … in quanto professionisti sono chiamati ha dare sempre il massimo ed essere concentrati. Se poi secondo loro subiscono delle ingiustizie, che scioperino e si rifiutino di giocare, con poi dopo tutte le ripercussioni che ci potrebbero essere.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*