Più che turn over, chiamatela staffetta

Paulo Sousa Roma

La rotazione a cui Sousa ha sottoposto i suoi ieri è stata sicuramente diversa da quella vista contro il Lech Poznan: in quella sfida mancava una vera e propria guida, impersonata ieri invece da Badelj e Borja Valero, così come da Vecino al momento dell’avvicendamento con il numero venti. D’altra parte gettare nella mischia i vari Suarez, Verdù e Mati Fernandez tutti insieme, senza amalgama fu un problema non da poco per loro. Ecco che dunque Sousa ha messo in atto più una staffetta, che un vero e proprio turn over, con i presumibili titolari del centrocampo anti-Juve tutti in campo nell’arco della partita, anche se non contemporaneamente. Lo stesso Bernardeschi ha calcato il rettangolo verse per una mezzoretta mentre i soli Ilicic, Gonzalo e Kalinic sono stati risparmiati. Un’esigenza che rende palese la necessità di rinforzi all’altezza dei titolarissimi in vista di gennaio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA