Più che un allenatore…un alchimista

Paulo Sousa? Un alchimista. La Repubblica definisce così, con questo termine, l’allenatore della Fiorentina, parlando della sua continua ricerca dell’equilibrio e di una formazione giusta. E così sono già cinque i moduli provati sul campo, dal suo classico 3-4-2-1, fino a giungere allo spericolato 3-2-3-2 visto domenica scorsa contro il Palermo. Sta di fatto però che ancora la Fiorentina non ha trovato una sua dimensione e l’impressione è che l’ex Basilea e il suo tattico, Manuel Cordeiro, debbano lavorare ancora per arrivare alla risoluzione del problema.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

8 commenti

  1. Serve essere anche psicologi e motivatori oltre che tatticamente evoluti.

  2. Ferrara non ama gli alchimisti… e gli alchimisti non amano lui. Sousa è un apprendista alchimista, l’alchimista vero è Guardiola, che fa azzardi assai superiori a quelli di Sousa. Ma Ferrara, e non solo lui, dovrebbe parlare di ciò che comprende non di ciò a cui non arriva. Non ha ancora capito che la soluzione giusta l’ha già trovata, Sousa, e da qualche partita. Il Palermo era una contingenza. E’ Ferrara che deve trovare la soluzione giusta per capire Sousa, fa il giornalista sportivo, è compito suo capire gli allenatori, se vuole fare cronaca, non il contrario. Poi, se non ci arriva… vuol dire che il calcio non fa per lui. Ha un talento per il fantasy paranoico, Ferrara, potrebbe fare lo scrittore, disinteressandosi di quel calcio incomprensibile che tanto lo angoscia.

  3. Quei due “pantofolai ” hanno fatto un sacco di errori, e altri ne faranno attendendo di cedere la società. Ma non è colpa loro se lui invece di fare l’allenatore si diverte nei panni del novello Cagliostro. Poi i DV secondo me, aspettano solo la definizione del progetto stadio nuovo, per poi cedere la Viola.

  4. E se smetteste TUTTI di puntare il dito sull’allenatore ? L’anno scorso quando eravamo primi in classifica nessuno diceva nulla eppure faceva le solite ca…e che fa ora. Il problema non è Sousa, il problema sono quei due pantofolai. E venti !

  5. E se smettesse di fare l’alchimista, e tornasse a fare l’allenatore? A volte, ho l’impressione, che cerchi di non fare troppo bene per paura di essere riconfermato, sennò certe scelte, sia di formazione che a gara in corso, si spiegano con grande difficoltà. Dico questo perché lo società ha sempre quell’opzione famosa, da far valere entro il 31/3.

  6. In Italia ci sono tanti allenatori migliori di Lui. Basta guardare Sarri che ha sempre allenato in campionati di bassa categoria, arrivato a Napoli ha fatto molto meglio di Benitez, quest’anno anche senza Iguain. Sosa è un allenatore mediocre.

  7. Dopo due anni non hanno trovato una dimensione, un gioco, hanno approfittato nei primi sei mesi del lavoro altrui, poi tutto affidato al caso, un grande caos, psicologia col gruppo inesistente, che si levi presto dai *********, lui è il suo tattico cordeiro do montezeimolo.

  8. Lo spalatore di Gubbio

    Non è nè un alchimista ne un allenatore è solo uno da mandare via

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*