Pradè: “Kalinic è sempre più determinante. Nessuna polemica da parte di Rossi. E sul mercato…”

prade insegnante

Il direttore sportivo della Fiorentina, Daniele Pradè, fa il punto della situazione per quanto riguarda il mercato, il campionato e l’Europa League: “Godiamoci questo tre a zero e poi giovedì abbiamo l’Europa League. Prima di pensare al mercato io devo pensare ai nostri calciatori. Con la società e l’allenatore abbiamo già parlato di tutti i particolari. Rossi? La visita del procuratore è stata di mercato ed era inevitabile parlare di Giuseppe. Non ha nessun tipo di polemica nei confronti di nessuno, sta cercando di recuperare il massimo della forma. Stiamo lavorando intensamente per il rinnovo di Alonso e il lavoro lo stanno facendo entrambe le parti. Ogni partita per noi è determinante e sarà così anche giovedì contro il Belenenses. Con il pubblico c’è un feeling grande e un’empatia che non vogliamo perdere. Bernardeschi? Sta facendo benissimo, ascoltare il mister e continuare la sua crescita, il resto è tutta musica. Non mi piace parlare dei singoli ma Kalinic è un calciatore determinante in questo momento, è uno dei migliori centravanti d’Europa. Non mi sembrava nulla di preoccupante il suo stop”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

7 commenti

  1. Violaadimilano

    Rossi non è un caso ma nemmeno deve diventarlo. In questo momento è in assoluto la cosa che ci serve di meno. Attenti ai giornalai anche quelli di casa nostra: tutti quanti vivono di notizie e polemiche anche quelle create ad arte. I tifosi come la società è San Paulo devono anteporre sempre la squadra agli interessi del singolo. Rossi è stato sfortunato e la società non l ha abbandonato e cmq è lui a non essere ancora pronto e quando è stato utilizzato dispiace dirlo ma abbiamo giocato in 10.

  2. Pepito sa benissimo che questo giocattolo, che si chiama Fiorentina, non si può cambiare. Nemmeno per far posto a lui. Abbiamo già pagato dazio varie volte per cambiare la formazione tipo. Finalmente Paulo Sousa se n’è convinto che ci sono due livelli di giocatori. Gli undici del primo tempo di oggi e dei primi 20 minuti della ripresa non si possono assolutamente cambiare. Pepito Rossi deve avere pazienza e aspettare tempi migliori. Così come Babacar.

  3. Rossi deve ringraziare la Società che lo aspetta e stare calmo,verrà il suo turno quando crescerà di condizione,ma non sono le partite combattute che fanno al caso suo in questo momento. Pradè ha detto insieme a Gnini che la Società sa quello che deve fare (le stesse parole esatte di agosto) ma mancano all’appello:un difensore di qualità,un centrocampista dello stesso livello di Badelj e Borja e un esterno visto che Blacikosky è in riabilitazione (l’ennesimo).Sempre e solo parole, parole, parole

  4. C’e’ da capire se rossi e’ ancora un giocatore o un ex. Se e’ ancora un giocatore cccalma e gesso si aspetta tutto il tempo che serve.e ‘ comprensibile la sua voglia di giocare ma e’ un ragazzo intelligente e capira ‘ la situazione e certamente quando sara’ in forma ci ripaghera’.

  5. In primavera Rossi farà sognare la Fiorentina. Adesso bisogna solo allenarsi seriamente (come Rossi ha sempre fatto) ed accumulare minuti quando le partite te lo permettono (partite già acquisite o secondi tempi contro piccole squadre). Abbiamo atteso due anni possiamo attendere due mesi dopo le feste.

  6. Rossi ha già rotto, dopo due anni di infortuni ora pretende il posto fisso! Qui si deve fare l’interesse della squadra no del singolo! Se vuole se ne può anche andare, tanto abbiamo capito che questi sono tutti uguali! Oggi a fine partita era scuro in volto e chi se ne frega, abbiamo vinto.

  7. Giuseppe Rossi e un grande …non va discusso ma difeso. …e importante per la nostra causa. ..e sono sicuro che dopo natale sarà fondamentale per noi……

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*