Prandelli: “Rammarico Pazzini ma Jorgensen univa tutti. L’addio di Ujfalusi? Giocò con problemi al ginocchio”

L’ex tecnico della Fiorentina Cesare Prandelli ha parlato di alcuni suoi fedeli in maglia viola: “Forse Jorgensen è stato quello che ha cercato di creare sempre uno spirito di squadra – ha raccontato a Radio Bruno – quando lui entrava nello spogliatoio rappresentava noi. Giocatore straordinario, persona intelligente, in grado di prevenire i problemi e avvicinare le persone. Qualche rammarico? Pazzini per noi era un giocatore straordinario, quell’anno ebbe qualche problema dal punto di vista della responsabilità della maglia, essendo tifoso viola. Non siamo stati capaci forse ad aiutarlo nel crescere, ha qualità straordinarie, infatti tra i giovani che osservavamo decidemmo con Corvino di puntare su di lui. Ujfalusi è stato il professionista più serio nell’accettare i consigli. Quando lo spostai a destra mi guardò quasi male, ma per me poteva fare benissimo e allungare anche la carriera. Il suo addio? Lui aveva problemi seri al ginocchio ma dette la disponibilità di giocare, per rispetto dei tifosi. Sapeva già che sarebbe andato via ma da professionista decise di giocare”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*