Questo sito contribuisce alla audience di

Prandelli: “Vivo a Firenze, amo Firenze e sono tifoso della Fiorentina. Tornare sarebbe un grande rischio e io sarei pronto a rischiare”

L’ex allenatore della Fiorentina e della Nazionale, Cesare Prandelli, è intervenuto a Radio Anch’io Sport ed è stato pungolato su un possibile ritorno nel club viola: “Qualche anno fa non sarei andato via – ha ribadito il tecnico – Io penso che in questo momento la Fiorentina stia pensando ad allenatori diversi. Vivo a Firenze, amo Firenze e sono tifoso della Fiorentina. Sarebbe un grande rischio e io sono pronto a rischiare. Mi sono arrivate nel frattempo proposte dall’estero”.

Sull’attuale Serie A, Prandelli ha aggiunto: “Il nostro è un campionato in cui c’è solo una squadra che ha un progetto tecnico, la Juventus, mentre tutte le altre hanno in mente un progetto economico. Per questo la Juve è meritatamente in testa”.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

15 commenti

  1. Grande S69, adoro Prandelli…
    Eppure non capisco perché non lo riprendono.
    Subito Cesare.
    Forza Viola, Siempre.

  2. il calcio è bello per questo..x me e piu forte la prima fiorentina di prandelli che non quella di montella..comunque penso il problema non si ponga.. dubito prandelli torni a firenze..io vorrei gasperini..ma penso sia impossibile venga a firenze

  3. Guarda Federico, che come squadra nn era poi tutto questo granché. C’era Frey, Toni, Mutu e poco altro. Per intendersi, la squadra di Montella era molto più forte. Un centocampo Aquilani, Pek, Borja, esterni del calibro di Cuadrado e Joakkino, tanta roba.
    Prandelli dietro giocava con il Daino e il Gambero, a sinistra aveva Gobbi e Pasqual (certo aveva anche Ufo a destra), a metà campo giocavano Donadel e Brocchi (poi anche Liverani) esterni Fiore e Martino. Poi avanti aveva Toni e Mutu, nulla da dire. Ma era comunque una squadra che lui riusciva a far marciare meglio di quello che i valori di ogni singolo giocatore, avrebbero fatto pensare.
    Dammi retta, magari a te nn piaceva il suo gioco, ma come allenatore era un grande.
    Ti dirò di più, sull’organizzazione del gioco difensivo, per me, il migliore.

  4. Dopo Montella e Sousa che hanno fatto vedere un gran bel gioco (checchè ne dicano i soliti sapientoni),sarebbe dura tornare a vedere il gioco inspido e noioso di Prandelli.

  5. abbiamo giocato da fare schifo in scozia contro una squadra imbottita di riserve..ai rigori e un terno al lotto..quella partita mi ricordava lo zero a zero di bordoux con il trap in champions..anche quello zero a zero ci costo il passaggio del turno..il gioco di prandeklli non mi piaceva con grandi giocatori figuriamoci ora con questi mezzi giocatori

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*