Questo sito contribuisce alla audience di

PRIMA ERA LA LAZIO, ORA IL NAPOLI…FACCIAMOLA FINITA DI PARLARE DI DEMERITI ALTRUI E PENSIAMO AI MERITI NOSTRI

Prima di tutto una considerazione, per così dire, numerica: il pareggio nel campionato coi tre punti per ogni vittoria è per davvero una mezza sconfitta. Non perdere è più che altro una specie di ‘droga mentale’ che serve ad infondere maggiore sicurezza ad una squadra, specialmente quando riesci a farlo su campi teoricamente molto difficili come l’Olimpico prima e il San Paolo poi.

Dopodiché ti viene da dire una cosa: se dopo la Lazio hai pensato ad un caso, non puoi fare lo stesso quando ricapita lo stesso identico canovaccio anche contro il Napoli. Mi spiego meglio. I biancocelesti contro la Fiorentina hanno giocato una partita oggettivamente brutta e al di sotto delle loro prestazioni precedenti. Lo stesso hanno fatto i partenopei nell’ultima gara di campionato. E allora l’equazione a questo punto è facile: Pioli riesce a preparare tatticamente molto bene le partite e fa giocare male le squadre forti che si trova ad affrontare, specialmente in trasferta (Inter a parte, perché quella partita fa storia a sé per molte ragioni).

Adagiarsi sugli avversari più forti è un limite? Lo è quando hai per le mani una formazione di altrettanto valore. In quei casi dovresti cercare di imporre le tue idee e il tuo modo di fare calcio come, per utilizzare un esempio che tutti possono capire, fa il Manchester City con Guardiola. Ma quando sei inferiore, come questa Fiorentina è inferiore al Napoli, allora si tratta di fare semplicemente una mossa intelligente. Tu dai le linee guida, gli interpreti le mettono in atto e se lo fanno alla perfezione come successo al San Paolo ecco che esce fuori uno 0-0. Un punto, sia chiaro a tutti, assolutamente meritato dalla Fiorentina che nel primo tempo ha avuto anche la possibilità più volte di far male all’avversario, così com’era riuscito alla Juventus la settimana precedente. Solo che Simeone, tra l’altro autore di una prestazione meravigliosa almeno per 65 minuti, non è stato freddo e cinico come invece era stato Higuain nel match precedente.

Tutto chiaro ora? O qualcuno continuerà imperterrito a parlare degli altri e a non dare i giusti meriti alla Fiorentina?

© RIPRODUZIONE RISERVATA

20 commenti

  1. Forza denigratori! E’ il vostro anno!………..meno male che fra 20 gg finisce!!!!!!!!!

  2. Ma davvero siete così contenti di questa squadra? Negli anni precedenti eravamo a lottare per i primo 3 – 4 posti, poi siamo passati a lottare per il 6° – 7° posto, lo scorso anno siamo arrivati ottavi, adesso siamo noni, mi sembra evidente l’involuzione tecnica della Fiorentina. La società ha deciso di abbassare il monte ingaggi e di vendere tutti i migliori e noi siamo qui ad esaltarci per un pareggio a Napoli? A me sembra davvero che anche il pubblico di Firenze si stia ridimensionando. Ma ammaestrare e impaurire la gente è una delle cose che riesce meglio ai Della Valle, seconda solo alla loro capacità di mettersi in tasca i soldi provenienti dalla società viola.

  3. Certo che non riuscire a godersi un buon periodo perché si sostiene che tutto sommato abbiamo avuto culo o si sta già pensando a quando qualche titolare si prenderà la scarlattina e non avremo con chi sostituirlo… secondo me è da neuro.

  4. Fabio83 sempre fantasioso eh..

  5. I pareggi non si festeggiano. Non capisco cosa avesse pioli da esultare. Chi si accontenta è un perdente. Ora testa alla Samp, dobbiamo vincere obbligatoriamente.

  6. A qualcuno sfugge che nel calcio ci sono due fasi quella con la palla è quella senza. In una fase si attacca, nell’altra ci si difende. Si gioca bene anche quando riesci a difenderti. Certo è una fase di gioco meno spettacolare, il tifoso si esalta quando si attacca, ma se giochi bene è merito tuo non di altri che non riescono ad attaccarti.

  7. Pesa anche la sconfitta con la Sampdoria, con 2 gol stupidi subiti i 2 minuti …
    Fuori casa è un disastro e non vince neanche quando è in vantaggio 2-0

  8. Pienamente d’accordo con l’articolo e con Il Sacco, a questo aggiungerei che le reti TV a pagamento fanno veramente un pessimo servizio, ho avuto per anni Premium è da un anno Sky, non è cambiato niente, i loro commentatori sono sempre e comunque pro “grandi”, anche ieri (a parte Adani che è sempre molto obbiettivo), l’altro commentatore era smaccatamente pro Napule, per non dire del volume audio sul tifo napoletano che copriva anche i loro commenti. Vabbè da loro ieri eran 45mila, però da noi il tifo proprio non lo sentì per niente, neanche a stadio pieno delle grandi occasioni, non so se siamo noi che siamo mosci o se tengono l’audio più basso.
    Comunque ieri grandi ragazzi!

  9. Buongiorno Direttore, io concordo pienamente con lei, secondo me, non so se è d’accordo, c’è troppa negatività intorno alla Fiorentina. Certamente i proprietari non hanno contribuito, sbagliando gran parte delle scelte comunicativo, a abbassare la tensione. Però secondo me la squadra, nei titolari, se la può giocare per il sesto posto. Certo le riserve non sono alla pari di giocare abitualmente, ma scusi le rose dei nostri competitors sono così più importanti di quella della nostra squadra? In ultimo ci sono dei giocatori che non abbiamo quasi mai visto, mi riferisco a Vitor Hugo, Saponara, Eysseric e Milenkovic. Come facciamo a decretare che non sono buoni. Prima vediamoli. Ad majora e SFV.

  10. Tifolamagliaviola

    Sulla classifica pesano i risultati negativi contro Chievo, Crotone e il pareggio a Ferrara. Qualcosa meglio si sarebbe potuto e dovuto fare in quelle partite. Altrimenti siamo dentro le aspettative di quest’anno, ossia lo scudetto dell’A/2 … tutto il resto si vedra’

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.