Questo sito contribuisce alla audience di

Da Sottil a Gravillon: i DIECI migliori giovani delle Final Eight

Filippo Melegoni, centrocampista dell'Atalanta

Domenica la Fiorentina Primavera si giocherà contro l’Inter al Mapei Stadium la possibilità di diventare Campione d’Italia 2016-2017. Una grande cavalcata quella dei ragazzi di Guidi, arrivati secondi in campionato e giunti in finale dopo aver eliminato squadre molto forti come Atalanta e Juventus. Tanti i giovani che si sono messi in mostra in queste Final Eight, tra cui ci sono anche alcuni viola. Vediamo ora 10 calciatori interessanti che hanno ben impressionato:

Michele Cerofolini (4/01/1999) Fiorentina:- Il portiere della Fiorentina è un prospetto davvero interessante. Nelle gare contro Atalanta e Juventus si è fatto sempre trovare pronto, senza temere l’uscita e il gioco con i piedi. Grande reattività, fisico longilineo ma prestante. La Fiorentina dovrà fare molta attenzione a questo giovane estremo difensore.

Luca Pellegrini (07/03/1999) Roma:- Non è potuto scendere in campo con l’Inter per via di problemi fisici che lo affliggono, ma Pellegrini è un ragazzo di grande talento, promessa del vivaio della Roma. Grandissimo carattere, fisico compatto e tanta resistenza sulla corsia sinistra. Terzino sinistro di ampie prospettive.

Rogerio Oliveira da Silva (13/01/1998) Juventus:- Terzino sinistro dotato di grande qualità tecnica e personalità, veloce e più che discreto in copertura. Grande corsa e ottima partecipazione alla manovra, grazie ad ottimi cross e galoppate sulla fascia. La Juventus ha in casa l’erede di Alex Sandro.

Andrew Gravillon (08/02/1998) Inter:- Gravillon è il difensore centrale di maggiore spessore dell’Inter, ed è un ragazzo di grande carattere e temperamento. Destro di piede, veloce e molto bravo nelle letture difensive. In stagione ha realizzato anche 7 reti grazie alla sua capacità di inserimento sulle palle inattive.

Alessandro Bordin (1/8/1998) Roma:- Centrocampista centrale di enorme maturità tattica, Bordin è l’ago della bilancia della Roma. Possiede un grande calcio, che sfrutta sui piazzati. Metronomo della mediana, grande visione di gioco e qualità tecnica.

Filippo Melegoni (18/02/1999) Atalanta:- Ragazzo nativo di Bergamo, Melegoni è una delle maggiori speranze per il futuro della ‘Dea’. In mezzo al campo gioca quasi ovunque, sia davanti alla difesa che da mezzala. Alto e magro, non un colosso fisicamente, ha ottimi piedi e capacità di lancio e dribbling. Prospetto di livello assoluto.

Riccardo Sottil (03/06/1999) Fiorentina:- L’impatto dell’esterno della Fiorentina è stato devastante in questa stagione. 14 reti totali e tante prestazioni brillanti. Sottil gioca indifferentemente da ala destra o sinistra, e ha tutte le doti che servono ad un attaccante moderno: qualità, tiro e capacità in fase di ripiegamento. Il suo rigore allo scadere ha tenuto in vita la Fiorentina contro la Juventus.

Edoardo Soleri (19/08/1997) Roma:- D’accordo è un fuoriquota, tuttavia le sue 4 reti in queste Final Eight, unite alle 32 già realizzate in stagione, fanno un bottino eccellente. Attaccante alto e longilineo, rapace sotto porta e bravo a muoversi su tutto il fronte offensivo. Bravo nella difesa del pallone e freddissimo in area.

Ibourahima Baldè (23/03/1999) Sampdoria:- Il nome non è nuovo, ed infatti è il fratello di Keità, fantastico attaccante della Lazio. Anche Ibourahima gioca come attaccante, e sa disimpegnarsi anche più largo. Destro di piede, rapido e sgusciante è  un ragazzo molto interessante.

Andrea Pinamonti (19/05/1999) Inter:-Il ragazzo, nonostante i 18 anni da poco compiuti, ha già raggranellato presenze in prima squadra, anche in Europa League. Attaccante dotato di buona struttura fisica, ottimo tiro e capacità di giocare con i compagni, in stagione ha realizzato 18 reti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

1 Commento

  1. Vi siete dimenticati di Bastoni e del nostro Baroni senza contare Castrovilli e Kean

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*