Primo allenamento in Austria: provata la coppia Rossi-Kalinic

photo 3

Primo allenamento in Austria per la Fiorentina con i viola ospitati dal centro allenamento di Bischofshofen.

La squadra ha iniziato la seduta mattutina con una sessione di palestra, al termine della quale Paulo Sousa ha diviso la rosa in due gruppi. In una metà campo impegnati: Tomovic, Gonzalo, Astori, Gilberto, Badelj, Borja Valero, Alonso, Rossi, Mati, Hagi e Kalinic. Con questi giocatori che hanno provato il 3-4-2-1 e il 3-4-1-2 in esercizi volti alla ricerca della profondità e della punta, con Paulo Sousa impegnato a chiedere al massimo due tocchi. Nell’altra metà campo impegnati invece: Bernardeschi, Zarate, Babacar, Vecino, Ilicic, Baez, Bagadur, Toledo, Salifu, Diks e Chiesa, che hanno provato esercizi di circolazione della palla con l’obiettivo di far arrivare il pallone sulle corsie.

Gruppi che poi si sono invertiti nello svolgere le esercitazioni. Evidente come dal gruppo dei titolari fosse escluso solo Vecino. I portieri invece si sono allenati sotto la supervisione di Alejandro Rosalen Lopez. Al termine di questa esercitazione è andata in scena una partitella a campo ridotto terminata uno a zero per la squadra dei “titolari” grazie ad un gol di Badelj. Una seconda partitella è andata in scena con la difesa titolare inserita nel gruppo delle riserve e ha visto. Quest’ultima partitella è terminata 1-1 con gol di Zarate e Rossi. Stasera alle 18.00 la Fiorentina tornerà in campo per un’altra seduta di allenamento, mentre domani i viola si alleneranno solo la mattina.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

3 commenti

  1. Scusa CISKO,ma alcune volte comprendo la tua impazienza per vedere qualche nome nuovo di buon livello,altre volte però non capisco proprio i tuoi discorsi. Che vuol dire che i DV sono contenti per lo sgarbo fatto alla città? Per me ti sei fatto un film nella testa e,a forza di ripetertelo,ti sei auto convinto che sia la realtà. A meno che tu non pensi che lo sgarbo consista nel non voler mettere altri soldi di tasca propria,come in effetti fanno tutte le altre società (se mi fai un nome di una squadra a caso,escluse quelle governate da sceicchi e petrolieri,che spendono più di ciò che incassano,magari se ne può ragionare,ma non li farai perché non esistono),e allora sto zitto,perché tanto non cambierai mai idea,

  2. Siccome siamo tutti allenatori dico pure io la mia: se si vuole far giocare Rossi e kalinic insieme, e mantenere il centrocampo a due che non cambierebbe mai, non si può fare a meno di pensare ad un 4 4 2. Se così fosse: 4 difensori; sulle fasce Tello e Toledo; centrocampisti Badelj/Vecino; davanti Rossi e Kalinic, che fine farebbero i vari Borja, Ilicic, Zarate, Bernam ect? accetterebbero di fare le riserve.

  3. Rossi, il miglior goleador che abbiamo in allenamento.
    Peccato che poi quando si fa sul serio non fa piu parte della scena.
    Non abbiamo l’organico giusto per il 4-3-3 (soprattutto in difesa) e quindi forse bisogna schierarsi con 3-4-2-1 (se si vuol insistere con Valero).
    Altrimenti 4-2-3-1 e Valero a casa!!!
    Accompagnato da Alonso.
    Ma purtroppo senza soldi non ci possiamo permettere i degni sostituiti.
    Quindi andrà in scena una Fiorentina che subirà tante sconfitte e pareggera’ molto.
    Cosi i DV sono contenti per lo sgarbo fatto alla città che li ha sempre sostenuti credendo alle loro parole e ai progetti.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*