Proc. Badelj: “Ho promesso a Milan che non avrei parlato con altri club fino alla fine della stagione. La Fiorentina mi deve dire cosa vuole fare”

Dejan Joksimovic, procuratore di Milan Badelj, ha parlato a Areanapoli.it del futuro del suo assistito: “Ad essere onesti, ho promesso al giocatore che non avrei parlato con altri club prima della fine della stagione. L’ultima partita è stata ieri e capirete che dovrò sedermi ad un tavolo con qualcuno della Fiorentina per discutere la sua situazione. In parole povere, devono dirmi se vogliono venderlo o tenerlo, e in caso di cessione quale pensano sia un prezzo idoneo per il suo cartellino. Dobbiamo iniziare da qui: prima di questo step fondamentale, non potrà esserci nessun sviluppo. Se pensa di lasciare la Serie A? Ama l’Italia, la vita nel vostro paese gli piace molto, l’Italia è vicina alla Croazia e per questo preferirebbe non cambiare campionato. Nel calcio, però, mai dire mai: a seconda delle opportunità, può succedere di tutto. Se chiamasse il Napoli? Beh che dire, il Napoli è sicuramente un top club, come lo sono anche Juve, Inter, Milan e Roma. Alcune di queste squadre hanno disputato un’ottima stagione, qualcuna meno, ma sono comunque grandissime Società. A prescindere dall’importanza della piazza, comunque, Badelj vuole giocare, non sedersi in panchina: questa è la sua priorità. Farà parte della formazione titolare della sua Nazionale ad Euro 2016, quindi è presto per decidere: dobbiamo aspettare. Impossibile vedere in Italia anche Dusan Tadic? Tutt’alto, è possibile: ma il Southampton chiederà tanto, almeno 20 milioni, e i club inglesi sono molto ricchi…”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

11 commenti

  1. “Ho promesso a Milan che non avrei parlato con altri club prima della fine della stagione”, ma non è vietato parlare con altri club quando si è sotto contratto? Comunque non mi sembra una dichiarazione di guerra, questo fenomeno a gennaio ha detto di peggio.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*