Questo sito contribuisce alla audience di

Può toccare a lui illuminare la scena

AndersonGenoaNei giorni antecedenti al suo arrivo a Firenze se n’erano dette di tutti i colori sulle sue condizioni fisiche e sulla sua presunta predilezione per uno stile di vita “godereccio”  e poco improntato alla vita da professionista. Tra l’altro in pochissime occasioni Montella ha buttato subito dentro i nuovi arrivi, se non dopo svariate sessioni di allenamento. E invece appena arrivato Anderson ha da subito impressionato, d’altro canto non si viene pagati 37 milioni di euro da Sir Alex Ferguson per caso, soprattutto per la sua tenuta fisica che lo ha portato ad allenarsi da subito in gruppo. Ciò che gli manca è solamente il recupero del ritmo partita, un elemento che verrà con il tempo e con i minuti in campo. Magari già a partire da oggi pomeriggio quando in molti lo danno titolare, ad illuminare il gioco al fianco di  Pizarro e Aquilani, con un Mati Fernandez che scalpita alle loro spalle. Quasi certamente sarà una staffetta tra i due ma quale che sia lo spezzone di match che disputerà Anderson, sarà sicuramente in grado di trasmettere da subito la sua qualità ed il suo dinamismo. Un impatto ben diverso da quello che ebbe Sissoko dodici mesi fa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

5 commenti

  1. Mi e’ sembrato una lampadina a passo “grosso” con i filamenti rotti e quindi SPENTA!
    Tanto per rispondere al titolo dell’articolo.

  2. Tutti sono importanti nella Fiorentina e tutti devono sentirsi responsabilizzati! si deve ragionare e giocare da squadra! Non si deve dipendere dai singoli! vincere a cagliari!

  3. infernodiselvena

    Be sicuramente questo non è Sissoko!

  4. Anderson pallone d oro

  5. Andiamoci calmi non è che arriva Anderson e fa i miracoli, avrà anche lui bisogno dei tempi di inserimento è certamente un buon acquisto ma non responsabilizziamolo troppo e subito.
    Forza FIORENTINA!!!!!!!!!!!!!!!!!!1

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*