Questo sito contribuisce alla audience di

Quali certezze per la Fiorentina? Uno zoccol(ino) duro c’è…

Le squadre di calcio si costruiscono sempre, o quasi, intorno ad una base di riferimento preesistente, che si voglia rifondare da zero o semplicemente puntellare un organico: i primi punti da fissare sono le certezze a cui affidarsi e a cui delegare anche l’inserimento dei nuovi. La Fiorentina di volti poco noti da inserire ne avrà molti mentre saluterà una buona dose di componenti dell’ultima Fiorentina, punti di riferimento autentici da cinque anni a questa parte: da Gonzalo a Borja Valero, fino ai più recenti Kalinic e Bernardeschi, mentre nei mesi scorsi aveva salutato Alonso e un anno prima i vari Savic, Pizarro e Aquilani. Un piccolo appiglio al passato però resterà ugualmente, uno zoccolino duro, esiguo, ma comunque esistente: i nomi sono quelli di Davide Astori e Federico Chiesa, gli unici su cui la Fiorentina probabilmente farà muro a prescindere. Il difensore sarà trascinatore del reparto arretrato, mentre l’esterno continuerà a bruciare le tappe, arrivando dopo appena un anno di Serie A a rappresentare già un punto di riferimento per la squadra che nascerà.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

3 commenti

  1. E Tomovic dove lo mettete? Duro e’ duro e come zoccolo…direi potrebbe usare quello invece di una scarpa da calcio,non stonerebbe sul futuro capitano viola!

  2. Certo Sergio pi.siamo PROPRIO conciati male.con tutto il rispetto x questi 2 GIOCATORI che si impegnano SEMPRE.tra le prime 6 in classifica farebbero le riserve.e se questo è lo zoccolo duro…. Figuriamoci quello molle

  3. Certo due pilastri che in altre squadre uno non giocherebbe, il più giovane farebbe l’apprendista.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*