Questo sito contribuisce alla audience di

Quando i giovani mettono la retromarcia: il testimone da Zekhnini a Lo Faso

Niente drammi o giudizi definitivi, sia chiaro. Però è innegabile che della frangia verde inserita nel gruppo di Pioli, praticamente nessuno abbia trovato spazio e soddisfazioni: ecco perché si cerca di tenere i ragazzi in forma mandandoli a giocare anche con la Primavera. E’ toccato un paio di settimane fa a Zekhnini, in campo contro la Lazio, e toccherà domani a Lo Faso, nel match con la Roma. Contributi di qualità per la squadra di Bigica ma anche sintomo di uno sviluppo ancora da completare per poter dare una mano in Serie A. Fu la sorte di Hagi nella passata stagione e, finché rimase a Firenze, anche di Toledo: giovani prima testati tra i grandi e poi rispediti tra i coetanei. La Fiorentina su di loro dovrà prendere delle decisioni importanti nei prossimi mesi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

10 commenti

  1. CI VUOLE PAZIENZA si devono ambietare. Si critica in Italia non lanciamo i giovani… poi due partite e sei un BIDONE. DEL PIERO ALL’INIZIO mica era fotte ? Comprare giocatori da 20 milioni devi dargli Ingaggi sopra i 3 milioni annui.. Pesa l’INGAGGIO piuttosto che quanto lo paghi di cartellino

  2. Con i giovani ci vuole corraggio a farli giocare vedi campionato inglese….metterli in campo x 10minuti ogni tanto vedi Hagi come si fa’ a sapere se il ragazzo ha talento…….vedi atalanta ma loro hanno uno in panca che di calcio capisce……allora che vadano a fare in c..o tutti compreso il mister ….bisogna avere le p…e x lanciare i giovani altrimenti comprarli x cosa……

  3. Ricordo, colpo fiorentina preso Lo Faso, l’ennesimo colpo di una sfilza di mercati indegni.

  4. Rispondo al Dubbio su Scalera che nelle tre apparizioni in B è risultato nella top 11 della serie B a 18 anni disputando partite eccezionali cosa che Castrovilli non ha fatto. I tifosi Baresi infatti erano quasi in sommossa alla notizia della cessione di Scalera ma non per Castrovilli. Castrovilli è stato dato in prestito con obbligo di riscatto Scalera solo con diritto (a dimostrare la volontà e speranza del Bari di volerlo eventualmente trattenere). Scalera aveva un valore complessivo compreso il prestito oneroso più alto di Castrovilli (1.4 contro 1.2). Scalera ha disputato un Mondiale Under 20 sotto età risultando tra i migliori della nazionale, Castrovilli no. Voci parlano di riscatto saltato per disaccordi su commissioni (niente di più facile). Ed infine a Bari i giovani non trovano spazio da anni per una strana politica societaria (chiamiamola così per non dire altro) tesa esclusivamente alla rincorsa spasmotica della serie A basandosi su calciatori con più esperienza o più graditi alla dirigenza. E ti ripeto si tratta di un ambiente dove giovani come Locatelli, Cutrone e compagnia bella avrebbero fatto la stessa fine di Scalera molto probabilmente.

  5. Via gli Ultras delle Tod’s da Firenze!!

  6. PABLO, se hai elementi a supporto della tua tesi portali altrimenti è una tesi inconsistente. Io porto fatti e i fatti parlano da soli. E perchè quell’aria “particolare” non ha impedito il riscatto di Castrovilli?

  7. Il dubbio tu non hai la minima idea del perché Scalera non sia stato riscattato e del perché non gioca nel Bari dove attorno a società, Presidente e DS a secondo quanto confermano parecchi addetti ai lavori circola un aria tutta particolare…. A Bari non avrebbe giocato nemmeno Locatelli negli ultimi anni. E’ normale che nel calcio bisogna avere la fortuna di capitare in una società che permette ai ragazzi di giocare senza problemi. Ci sono ragazzi 97 e 98 che giocano già titolari in serie B e non meriterebbero nemmeno l’eccellenza. Se pensi che SCALERA e LO FASO siano scarsi solo perché non sia permesso loro di giocare per motivi vari ti sbagli di grosso.

  8. Wolski, Hagi (Wolski 2), Lo Faso (Wolski 3). A proposito, questa estate ho scritto che Scalera è scarso come pochi e naturalmente sono stato attaccato da quelli che si disperavano per il suo mancato riscatto: ebbene, quest’anno nel Bari non ha giocato neanche un minuto.

  9. La decisione giusta ed importante è rispedirli al mittente almeno quelli che sono in prestito con diritto di riscatto e gli altri rivenderli almeno al prezzo già pagato. In Primavera ne abbiamo migliori e senza quegli ingaggi esosi che questi pseudofenomeni hanno preteso ed ottenuto. Ma insieme a loro un bel biglietto di andata senza ritorno anche a chi con acume e capacità li ha scoperti e ingaggiati.

  10. Tifolamagliaviola

    C’era qualche leccavalliano che prediva la Fiorentina in Champions con Zecchini … forse un giorno accadrà ma con la fiducia cieca in una società non si fanno punti e non si va da nessuna parte

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*