Quando il buongiorno si vede dal mattino

Adesso che siamo in inverno, è giusto ricordare di come tra le regine dell’estate ci sia stata la Fiorentina. Non a caso si vince, durante la preparazione, contro big europee del calibro di Barcellona e Chelsea, se poi alla fine del 2015 ti ritrovi a solo un punto dalla vetta, con 35 punti in 17 match, in piena media inglese grazie al nuovo corso di mister Sousa. Un dato oltre ogni più rosea aspettativa, visto le sostanziale perplessità dello scorso giugno-luglio, sia da parte di una parte cospicua della tifoseria che degli addetti ai lavori (che spesso persiste ancora nel caso di quest’ultimi), per un mercato sulla carta forse non eccelso, ma che durante il primo scorcio di stagione ha regalato certezze e la consapevolezza di essere un squadra fortemente competitiva che non è stata messa sotto da nessuno. Non resta che augurarsi per il 2016 la riconferma di quanto fatto finora.

© RIPRODUZIONE RISERVATA