Questo sito contribuisce alla audience di

Quel che c’è da cambiare

Si parla tanto di cambi di modulo in vista della prossima gara della Fiorentina in campionato che andrà in scena tra più di una settimana contro l’Udinese. Tanti giudizi, opinioni e commenti di vari personaggi legati al mondo dello sport vanno in una stessa direzione, ovvero quella della trasformazione del 4-2-3-1 in un 4-3-3 o schemi molto simili. Ma Pioli non è detto che ci senta da quell’orecchio. O meglio, dato che un allenatore solitamente rimane fedele alla sua visione di gioco, più che cambiare modulo resta la possibilità che cambi alcuni interpreti tra i titolari. Questa permane ora come ora come una delle soluzioni più probabili insieme a quella del repentino cambio tattico, anche se restano probabili anche ipotesi di questo tipo da azzardare a stagione in corso. In questo caso, nonostante i risultati non certo bellissimi, Montella al Milan docet…

© RIPRODUZIONE RISERVATA

7 commenti

  1. Quel che si ha da cambiare si cambiera’….

  2. OK Redazione…….così è meglio….ci siamo capiti vero?
    Spero che Pioli si dimostri una persona intelligente e capace come in effetti è, e che trovi le giuste soluzioni, personalmente penso che un cambio di modulo sia auspicabile, poi il modulo migliore lo trovi lui, è pagato per questo…..l’importante è che non dica come Ventura che i moduli contano poco……altrimenti ci prendiamo il “tennico tattico” Re Leone che ci costa anche molto meno ed ha un’esperienza pluridecennale……evvai Re Leone!!

  3. Anche io penso che un cambio di modulo sia la cosa migliore, anche per le caratteristiche dei giocatori in rosa, ma purtroppo penso che Pioli non cambierà un bel niente se non uno o due interpreti che non alterneranno un bel niente a livello di gioco. Poi se le cose, domenica, andranno bene vuol dire che “stiamo diventando squadra” altrimenti sarà colpa della rivoluzione di mercato e ci vuole tempo. Poeri a noi!!!!

  4. Cambiare modulo e mettere i giocatori nei ruoli giusti. Abbiamo gente duttile ma è meglio puntare su certezze e sicurezze. Non si può più sbagliare.

  5. Cambiare modulo e subito. Pioli deve capire che il suo credo e la sua stessa persona vengono dopo il bene della Fiorentina. I bonus sono scaduti perché sette gare sono un banco di prova importante specialmente dopo lo scialbo spettacolo offerto nelle ultime due partite.

  6. Aspettiamo e vediamo …. credo.

  7. Claudio di Ferrara

    Meglio che cambi il modulo. Per gli interpreti,magari buoni, vada in un altra squadra

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*