Questo sito contribuisce alla audience di

QUELLA VOLTA CHE…Effenberg si travestì da donna per scampare all’ira dei tifosi della Fiorentina

L'ex giocatore della Fiorentina Stefan Effenberg

La retrocessione della Fiorentina dalla Serie A alla B nella stagione 1992/93 è stata semplicemente incredibile. Incredibile perché la squadra, prima dell’inaspettata sconfitta in casa con l’Atalanta ad inizio gennaio e il conseguente esonero, quantomai inopportuno, dell’allenatore Gigi Radice, era seconda in classifica. Incredibile perché all’interno di quella squadra c’erano giocatori, almeno dalla cintola in su, che erano dei veri e propri campioni. Gabriel Batistuta, Brian Laudrup, Francesco Baiano, lo stesso Fabrizio Di Mauro a centrocampo e anche Stefan Effenberg.

Il nazionale tedesco era fortissimo coi piedi, quanto totalmente fuori di testa. Personaggio sregolato e molto discontinuo, dava la sensazione di non fregarsene della situazione di difficoltà in cui era caduta la squadra. Per questo motivo era finito nel mirino degli ultras della Fiorentina. Nel giorno della retrocessione in Serie B, e questo vi fa capire meglio che personaggio era, aveva anche provato a scappare dallo stadio travestito da donna, salendo poi su un’ambulanza. Una vera e propria comica che però fu smascherata.

E non fu certo quella l’unica occasione in cui Effenberg entrò a contatto con la tifoseria. Qualche mese prima lo andarono a trovare sotto casa, mentre durante l’estate successiva ci fu l’invasione nell’albergo di Roccaporena, sede del ritiro della squadra.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

8 commenti

  1. Semplice, un mix di cause:
    -la grave follia di inizio stagione: aver cacciato a pedate nel culo in estate il grandissimo Dunga (regalato al Pescara, da lì passato allo Stoccarda: nel ’94 alzava la Coppa del Mondo da capitano del Brasile!) per sostituirlo con Di Mauro, uno dei giocatori più sopravvalutati di tutti i tempi al pari di Montolivo;
    -un secondo gesto folle di Vittorio, che a gennaio, con la squadra in alta classifica (in testa c’era il più forte Bilan di tutti i tempi), esonerò un ottimo tecnico come Radice dopo aver perso una sfortunata gara interna con l’Atalanta, per mettere la squadra in mano a nientepopodimeno che Agroppi;
    -arbitraggi osceni voluti dal palazzo (che voleva farci ripagare la nostra avversione alla nazionale) d’accordo con i gobbi (che vollero far pagare a Vittorio alcune dichiarazioni di sfida);
    -se l’attacco era molto forte, e il centrocampo non male, la difesa era molto scarsa, per non parlare del portiere che non era buono nemmeno per i dilettanti;
    -la presenza di personaggi come il tedesco descritto in questo articolo, che nel momento del calo di rendimento della squadra mostrò tanto menefreghismo e spaccò il gruppo;
    -l’epilogo col biscotto di Roma-Udinese, con Carnevale che sbagliò apposta un gol a porta vuota per salvare i friulani ed accasarsi da loro il mese successivo, mentre la tifoseria giallozozza festeggiava la nostra retrocessione.

  2. A Palermo in villeggiatura per perdere e non rinunciare a una piccola fetta di vacanze estive…Questi sono merde miliardarie…allora con Cecchi Gori si e’ vinto 2 coppa Italia e una Supercopps Italiana con l’orgoglio di sentirsi viola…FOREVER CECCHI GORI…VIA GLI INDEGNI CIABATTINI DA FIRENZE !

  3. Saremo anche falliti ma io con cecchi gori mi sono Divertito tanto. Meglio un giorno da leoni che 100 da Pecore ( cecchi gori tutta la vita )

  4. Ci hanno mandato io le ho viste tutte quelle in casa e sei fuori……….allucinante

  5. lucabilly1963

    Interessante. Ricordo come fosse ora quando ritirai la bandiera viola dalla terrazza e mi rinchiusi in casa dalla disperazione.
    Oggi coi DV sono infinitamente piú triste.

  6. caro michele da milano, vedi che le cose “strane”,diciamo così,sono sempre accadute a firenze??!! qualcuno forse più giovane non lo sa o non se lo ricorda,quando dice che questa è la più trista proprietà che si sia mai avuta e rimpiange cecchi gori!

  7. Mitico !!!!! Direttore, l’aneddoto lo conoscevo, ma questo genere di racconti sono un bel tuffo nel passato.
    Apprezzo molto !

  8. Michele da Milano

    Qualcuno un giorno forse riuscirà a farmi capire come siamo riusciti ad andare in B quell’anno

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*