Questione di orgoglio…e di soldi: I Della Valle tengono all’Europa

Diego AndreaDellaValle Grande

Oggi la Fiorentina volerà in Polonia e si ritroverà a Poznan, dove domani sera andrà in scena il delicatissimo impegno di Europa League contro il Lech. Una partita a cui tutti tengono in Fiorentina, a cominciare proprio dai Della Valle, così come scrive La Repubblica nella sua edizione di Firenze. E’ una questione di orgoglio, di ambizione e anche di soldi. L’Europa League non è certo ricca come la Champions, ma alla fine dell’anno stacca comunque un bell’assegno a chi riesce ad andare avanti nella competizione. E poi questa stagione il montepremi è aumentato in maniera considerevole.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

3 commenti

  1. Giusto, diamoci dentro finchè c’è benzina, noi siamo la Viola ed onoriamo le competizioni come si deve, mica arriveremo “bolsi”a primavera anche quest’anno?
    Noi , l’eccezione del non c’è 2 senza 3..impavidi eroi non tireremo certo indietro la gamba in Polonia!

  2. l’Europa league da comunque una visibilita’ europea che e’ importantissima e un’uscita ai giorni sarebbe un brutto colpo che temo avrebbe ripercussioni anche in campionato

  3. Giusto che i DV ci tengano e giusto che vogliano che la squadra vada più avanti possibile. E quale tifoso vorrebbe che, invece, si perdesse ? Ma, per fare questo, l’esperienza dello scorso anno avrebbe dovuto insegnare che ci vuole una rosa molto più ampia e molto più competitiva dell’attuale. Ed invece, per loro stessa ammissione tramite i Dirigenti, Pradè in testa, manca gente in difesa e a centrocampo. E allora ? I targets si alzano quando si sa di poterli raggiungere, anche con un po’ di sforzo ( si chiamano stretched targets ) ma di poterli raggiungere. Se, invece, da una analisi reale si vede che si è mirato più alto del possibile, allora insistere sui soliti obbiettivi si chiama velleitarismo o chimera. E i DV vogliono tutto facendo il minimo sforzo. E tutte le volte che si dovrebbe investire per provare a fare il salto in alto invece ci si ferma con scuse dei bilanci e dell’autofinanziamento ( ma ci sarà chi dirà che è giusto così….). Però si pretenderebbe di vincere sempre e ovunque. Come si chiama questo ?

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*