Questo k.o. servirà da sveglia?

La risposta è tutta racchiusa nei prossimi sette giorni (ma la scadenza, volendo, sarebbe anche da anticipare), quelli che precedono cioè il prossimo impegno di campionato contro il Torino, domenica alle 12.30 al “Franchi”. Per sveglia naturalmente si intende il tanto agognato intervento sul mercato che ancora non è arrivato; eppure di esigenze ce ne sarebbero eccome e siamo ormai al 18 gennaio (15esimo giorno dall’apertura ufficiale della sessione), dunque poco oltre la metà del tempo che la Fiorentina ha a disposizione per regalare a Sousa le risorse necessarie. Dalla gara di ieri sera a Milano è apparso ancor più lampante la necessità di un intervento, sempre che ce ne fosse bisogno visto che la squadra ha il fiato corto ormai da un paio di mesi. Ma si sa che finché i risultati portano conforto, permane sempre la speranza di poter fare con quel che c’è; ecco, ora invece stanno venendo a mancare pure quelli. Arrivare alla sfida con i granata con l’organico ancora identico, considerato che mancherà anche Vecino per squalifica, sarebbe inaccettabile. Tino Costa “dovrebbe” diventare ufficialmente viola a “momenti” (ma sarà pronto subito?); sugli altri, da Lisandro a Tello, urge prendere una decisione e che si dia una sterzata a delle trattative che finiscono per andare in fumo se protratte all’infinito, come troppo spesso accade. Senza dimenticare quella che è una regola ancor più valida del classico stereotipo per cui “a gennaio difficilmente si fa mercato”: a gennaio è un po’ più difficile comprare sì, ma lo è ancor di più per chi pretende di fare le nozze con i classici fichi secchi. A buon intenditor….

© RIPRODUZIONE RISERVATA

27 commenti

  1. D’accordo con tutti i tifosi che chiedono rinforzi, ma in completo disaccordo con loro e con l’autore del pezzo nel sostenere che la proprietà debba pagare a tutti i costi i soldi che le società chiedono per venderci un loro giocatore. Secondo voi è giusto dare dieci milioni all’Atalanta per Grassi? Oppure 20 milioni per Lisandro? Per me se li possono tenere i giocatori. No acquisti, ma solo prestiti di discreti giocatori. Due difensori e un buon portiere si possono trovare, senza svenarsi.

  2. con tutto il rispetto preferisco mille volte una proprietà meno ricca ma con un cuore viola
    questi sono ottimi imprenditori ma non faranno mai il passo più lungo della gamba.
    Di questi tempi poi fare il passo più lungo della gamba vuol dire rompersela.
    Basta chiarirsi quali sono gli obbiettivi di coppe o scudetti non le vinceremo magari un quarto posto e qualche semifinale può sempre succedere come una samp o Udinese

  3. Ora è tardi, le sveglie c’erano già state, come gli allarmi e le sirene.
    Ora si rincorre e speriamo di ripigliarsi perchè il terzo posto sarebbe sempre li, non si vedono grossi pretendenti in giro.

  4. Se sono coerenti, dopo aver mandato via prandelli e montella perche chiedevano rinforzi, mandino via anche sousa. Cosi seguitiamo a vivacchiare e a prenderci per il cu…o.
    rinpiango cuel coglione di vittorio…. tutto dire

  5. D’accordo con Luciano!Il problema si risolve in un solo modo, non andare più allo stadio e protestare x costringere la società ad avere una politica diversa oppure passare la mano come hanno fatto diverse società nel corso degli anni!Quando Moratti non poteva più garantire una squadra vincente l’ha ceduta,questo fanno le persone che hanno cuore verso la propria squadra e la città!Moratti si è dissanguato x la sua squadra, ha vinto anche molto poi i soldi gli sono tornati!Ma loro sono Marchigiani

  6. Ritengo che la presidenza della Fiorentina non voglia arrivare in alto. Le parole di Cognini dell’altro giorno sono state eloquenti. A loro interessa solo piazzarsi tra il 4o-7o posto così da avere visibilità senza spendere oltre misura. Del resto esclusivamente alla luce di tale considerazione possono spiegarsi gli ultimi (inesistenti) mercati ed un attuale, ingiustificato immobilismo, nonostante le dichiarazioni di facciata, quando le lacune erano evidenti dall’estate ed eri in pieno 2o posto

  7. Toni concordo! Degli ottomila che eravamo al Franchi per un allenamento a loro non interessa un ca..o! Se si ha la necessità di comprare non si può andare ad elemosinare I giocatori e soprattutto il prezzo non lo puoi fare tu.
    Vergognatevi

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*