Ramy Abbas: “I perdenti smettano di parlare di Salah. Basta con le promesse che non potete mantenere, non esiste solidarietà nel calcio”

Ramy Abbas, procuratore di Salah, è tornato a cinguettare a proposito del suo assistito, attaccando molto duramente, come spesso fatto in passato, le parole della dirigenza della Fiorentina. Ecco le parole tradotte dai 5 tweet dell’avvocato del giocatore ormai della Roma: “Penso che sia arrivato il momento per intermediari, agenti e dirigenti che non sono connessi a Salah, di smettere di parlare di Salah. Mi fa ridere come i vincitori stiamo zitti e i perdenti continuino a parlare. Come sempre c’è chi vince e c’è chi perde, ora possiamo guardare il calcio? Forse se i perdenti smettessero di parlare, probabilmente i tifosi smetterebbero di pensarci e di pensare alle promesse che non sono state mantenute. Smettete di fare promesse che non potete mantenere. Non c’è spazio per la solidarietà nel calcio tra rivali. Ci mettiamo a giocare senza pali allora? Chi lo guarderebbe?”. Parole durissime quelle di Ramy Abbas, con un chiaro riferimento alle ultime parole di Mencucci.

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

73 commenti

  1. Claudio San Miniato

    Danny, spero che tu abbia riletto le …….. che hai scritto, certo che l’invidia è una brutta bestia. Rode saper salah alla Roma, ma scrivere quelle cose sinceramente è da poveri. Poi vi offendete se queste bischerate gli altri li scrivono per qualche nostro giocatore ( che purtroppo ha già questi problemi)

  2. Andare fino in fondo in questa storia. È vero che abbiamo qualche dirigente incapace ma la scorrettezza deve essere punita.

  3. ma scusate eh, leggo ancora di certe “sentenze definitive” da parte della fifa m su cosa ci dovrebbero essere?
    La fifa riconosce le scritture private e ha rilasciato il transfer, che è provvisorio come in tutti i casi di prestito.

    Al massimo si può “sperare” che sia la lega a dir qualcosa, sempre che sia ancora depositato in lega il nostro contratto, perché se arriva il ricorso alla fifa il culo lo fa a noi.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*