Ravanelli a FN: “A rischiare stavolta è la Juve. Scudetto? Non vedo perché non possa vincerlo la Fiorentina”

Foto: Fiorentinanews.com

Storica bandiera della Juventus ma in carriera anche con la maglia del Perugia, con cui perse lo storico spareggio del 2004 che riportò la Fiorentina in Serie A. Fabrizio Ravanelli di reti ai viola ne ha segnate eccome in carriera e non occupa probabilmente un posto di privilegio nei cuori dei sostenitori gigliati. Ma per la squadra di Sousa arrivano solo complimenti a Fiorentinanews.com:

La Fiorentina arriva allo Stadium a +5, sarà una sfida più equilibrata del normale?

“Sarà una partita molto più equilibrata del solito, in queste partite decidono sempre piccoli episodi, che possono spostare l’esito della partita da un lato o dall’altro. Sarà decisa all’ultimo probabilmente ma penso che possano vincere benissimo entrambe”.

La Fiorentina può rischiare di rimettere in corsa la Juve per lo scudetto?

“La corsa scudetto è ancora molto incerta, non siamo nemmeno alla sosta di Natale. Logico che se la Juve dovesse vincere si ricandiderebbe anche quest’anno in zone importanti. La squadra che rischia di più però è proprio quella bianconera, la Fiorentina non ha nulla da perdere e giocherà molto rilassata, con la massima tranquillità. Anche se quando si è lassù ci si vuole sempre restare e non si vuole perdere”.

Quanto credito dai ai viola quindi per il titolo?

“La Fiorentina può resistere fino in fondo, magari se non lottando proprio per lo scudetto, quantomeno per la Champions League. Ma credo che ad ora la corsa scudetto sia aperta a tutti, se lo è per Roma, Napoli ecc… non vedo perché non lo sia per la Fiorentina“.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

3 commenti

  1. Michele da Milano

    L’emblema della gobbitudine. Il giocatore più antipatico della storia

  2. ravanelli la gobbaggine fatta persona

  3. Molto più equilibrata del solito?! A parte lo 0-5 con Delio Rossi con i gobbi sono sempre state partite equilibrate, magari si è perso di più che pareggiato o vinto ma sempre con 1 gol di scarto

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*