Renzi-Della Valle: Il disgelo. Si torna a parlare di Cittadella Viola

Matteo Renzi e Diego Della Valle, un disgelo nel segno, purtroppo, del terremoto. I due tornano ad incontrarsi e a parlarsi dopo mesi di rapporti pubblici difficili e di parole pesanti. L’occasione, come avete già letto ieri, è data dal fatto che il proprietario della Fiorentina darà l’annuncio ufficiale dell’apertura prossima di una fabbrica ad Arquata, uno dei comuni simbolo della tragedia che ha colpito il centro Italia recentemente. Secondo il Corriere Fiorentino si parlerà pure di Cittadella Viola e di riqualificazione dell’area Mercafir a margine di questo incontro. Entro il 31 dicembre di quest’anno intanto è attesa la presentazione del progetto definitivo da parte della Fiorentina.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

5 commenti

  1. “Don Diego Della Valle risuola I’Bomba Renzi”. Renzi, imperterrito, continua a bombardare. Ponte sullo Stretto, Cittadella Viola e Scudo Spaziale le priorità del Premier bombardiere appena risuolato. Ora è pronto per la Maratona a base di Bombardamenti che si chiuderà a Dicembre, il 4, giorno in cui si festeggiano appunto Santa barbara, patrona dei bombardamenti, e SAN SOLA, patrono personale di Renzi. Il calendario è scritto e Il Futuro è LORO.

  2. Cosa non fa il para….lo per fare propaganda…..ma ci cadranno i soliti farlocchi? Il burattino dei poteri forti…con la furbata di rivedere l’italicum dopo il voto….hihihiji

  3. ahahhhah!.bla bla bla da piu di dieci anni.Quando si parlava di stadio nuovo,giocavo al mare colle biglie di Baronchelli Moser e Van Impe!!!!!

  4. Lo spalatore di Gubbio

    Diego fagli capire a quell’ometto che sta sbagliando molto anche a Firenze. La cittadella te la devono far fare anche per il bene della Fiorentina. E basta burocrazia

  5. Michele da Milano

    Ci sarà pure disgelo ma dubito che si parli di queste cose che per loro sono terra terra. Qui si vola più alti come interessi in gioco. Senza contare che tra poco c’è il referendum che segnerà la fine del governo Renzi

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*