Rialti: “Firenze deve sapere quali sono le reali intenzioni dei Della Valle”

image

Alessandro Rialti, giornalista de Il Corriere dello Sport, è intervenuto a Radio Blu: “Mi chiedo cosa vogliano fare i Della Valle. Fin quando non risponderanno a questa domanda, tutte le altre cose non hanno senso: rimango in attesa di una loro risposta. Le parole di Rogg in tal senso per me sono inutili, soprattutto a proposito del monte ingaggi. Tre giorni fa hanno detto che non avrebbero preso un allenatore legato ad un altro club, adesso mi pare che la realtà sia un’altra. Se andassero via Salah o Bernardeschi, Firenze non sarebbe di certo contenta. Ridurre i giocatori presenti in rosa ha senso, abbassare la qualità dei giocatori non è accettabile. Montella è una lapide, non ha più niente a che vedere con la Fiorentina. Ripeto, bisogna sapere quali sono le reali intenzioni di Diego Della Valle: mi auguro che non si torni al mercato a zero euro di qualche anno fa. Pradè e i suoi collaboratori devono essere bravi a vendere bene così da avere i soldi per fare acquisti. La parola ridimensionamento dà enorme fastidio ai fiorentini”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

40 commenti

  1. Aveva ragione Montella !!!avere dubbi su quale progetto avevano i DV era palese ve lo dico io quale progetto si prospetta per la
    Fiorentina avrà più dirigenti che giocatori
    questi ultimi hanno la valigia pronta verso Torino vedi Neto ed ora Berna..
    E via scorrendo
    Si deve ricordare che a Montella gli e stato proposto un contratto triennale da 3,5 milioni netti a stagione dal Napoli
    ” La Fiorentina la prossima stagione vincerà la coppa del nonno”

  2. Il monte ingaggi si può ridurre ma la qualità si può alzare.

  3. Gino original hai usato una espressione azzeccatissima.
    Hai scritto “ostaggio”.
    Si. Questa è purtroppo la realtà dei fatti: siamo diventati ostaggio dei DV e non ce ne libereremo, a meno che i capricciosi non ricevano solo porte in faccia per la loro Cittadella del business (perche altro non sarà che questo).
    Ed una volta che saranno i padroni di Firenze che faremo???
    Quelli continueranno a non mettere soldi nella squadra.
    Avere la Cittadella non significa automaticamente mettere i soldi nella Fiorentina; per la fiducia che ho in loro temo che tutti i profitti finiranno ad ingrassare le loro tasche.

  4. Le reali intenzioni sono quelle di costruire la cittadella viola e finché non otterranno ciò che vogliono saremo sempre in loro ostaggio; niente cittadella e stadio niente investimenti.

  5. supercannabilover

    Se vai sul personale dimostri di essere un perdente

  6. Rialti ha semplicemente posto la stessa domanda che aveva posto Montella (in tal senso ha perfettamente ragione franko48). Adesso tutti a fare si con il capoccino. Non è solo la questione dell’allenatore, è il metodo “Boffo” usato contro di lui, in maniera oltretutto da cioccolatai.

  7. Acebati, dopo la mezzanotte i tuoi poemi peggiorano ancora di più. Ma un po di amor proprio non ce l’hai? Ma mi sa che hai la faccia come il c…

  8. La Società forse non ha compreso che la squadra era con lui e conseguentemente ora i giocatori fanno quello che vogliono loro dovevano parlare con Montella chiaramente e non a suon di comunicati per poi esonerarlo ! Ora si a stipendio 2 allenatori giocatori che vogliono andarsene e poi i santoni che osannano questo Sousa povera Fiorentina
    Povero Prade

  9. Cisko73 alias supercannabilover, a proposito quante canne ti spari al giorno?

  10. Ace, sono con te.
    Il problema è che finché esiste GniGni queste situazioni assurde le continueremo a vivere.
    Lui, d’altra parte, considera i tifosi dei clienti ed i giocatori dei modelli di scarpe che hanno un prestigio iniziale e che continuano ad avere quel prestigio.
    Non tiene conto che i calciatori invece sono atleti che possono crescere ed aumentare il proprio valore o che possono avere una fase calante e quindi perderlo.
    I casi Ljajic, Cerci e Neto lo dimostrano (ci aggiungeremo Salah alla lista) da una parte; cosi come il caso Gomez lo dimostra dall’altra.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*