RITIRO la parola proibita in casa Fiorentina

Salah Delusione

Salah DelusioneA giudicare dalle parole dette da Montella, Pradè e Pasqual nel dopopartita di Fiorentina-Cagliari, sembra che ci sia una parola assolutamente proibita da pronunciare in casa viola. E’ ‘ritiro’, quello stesso provvedimento che ha fatto la storia del calcio e che soprattutto ha fatto bene ad alcune società in questo periodo. Il Cagliari è rimasto a Coverciano dove ha preparato la sfida con la Fiorentina e preparerà anche quella col Chievo infrasettimanale e tra l’altro sono arrivati anche i tre punti al ‘Franchi’. Il Napoli poi…In ritiro ci è andato prima della partita contro la Fiorentina e da allora ha ottenuto solo grandi risultati, ritornando fortemente in corsa per un posto in Champions League. Questo non vuol dire che chi va in ritiro ottiene automaticamente dei risultati, ma nemmeno che lo si debba considerare al pari della peste bubbonica, specialmente ora che le cose non girano come dovrebbero e le cose in campionato non si mettono benissimo per la formazione di Montella.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

26 commenti

  1. Graziano penso e dico queste cose da anni!!! pensavo di predicare nel deserto ma evidentemente tra tanti non vedenti e non pensanti….qualcuno mentalmente libero da tutto esiste!!!.
    GRAZIE!!!!

  2. Graziano Giusti, ti sei espresso bene, sei andato al punto. Concordo!!

  3. L’obbiettivo teoricamente + facile era la Coppa Italia (la meno importante) quindi la partita coi gobbi andava vinta. In campionato non dovevamo mollare, vincere con Hellas e Cagliari e restare agganciati al gruppo champions con la certezza del 4° o 5° posto, quindi E.L. sicura. Ora invece dobbiamo guardarci le spalle da Toro Genoa e Inter per mantenere il 6° posto.
    Vincere l’E.L. è solo un sogno, anche se a volte i sogni si avverano.

  4. Graziano Giusti

    Paolo 1 è una questione di psichiatria di massa. Siccome non si vince mai un c…molti “tifosi patentati” vogliono primeggiare vincendo alche l’ evidenza ed un minimo di buon senso. Fino ad arrivare all’ autolesionismo. Infatti i giocatori sentendosi viziati, capiscono che in questa piazza basta fare poco x ottenere molto…Se poi presidente ed allenatore x incompetenza assecondano e l’è tutta una festa!!!

  5. Vincy, tutto corretto, ma io mi permetto di aggiungere una ulteriore responsabilità, quella dei tifosi e mi riferisco in massima parte a la Fiesole.
    Applaudire una squadra che addirittura perde 3-0 contro la Juve in casa una,partita che era sufficiente perdere 1-0, ma che soprattutto fa il primo tiro in porta al 92esimo é da IRRESPONSABILI!

    Sí é vicini alla propria squadra con intelligenza non con stupidità!!

    Allora (forse) Firenze si merita tutto questo. Io non mi riconosco nella stupidità, però mi tocca accettarla!

  6. @AceBati: parli troppo da tifoso e quindi sei ceco…continui a dire molte cose inesatte…comunque è concludo per me una grande squadra non può mollare il campionato per la coppa …perché siamo sicuri di vincere l’Europa League? Io quest’anno credevo molto nella coppa Italia quello era un trofeo davvero alla nostra portata e avevamo la finale in tasca…potevamo vincere finalmente un trofeo dopo tanti anni…e in campionato bastava battere Verona e Cagliari e stavano addirittura a 4 punti dal secondo posto…insomma davvero un fallimento tra coppa Italia e campionato…e se non si vince l’Europa League sarà un fallimento completo e forse c’è lo meritiamo pure perché siamo stati poco umili…e non dimentichiamoci che la panchina è davvero mediocre e la squadra fisicamente e mentalmente è scoppiata…e i della valle devono rendersi conto che questo ciclo è finito…ci sono tanti giocatori oltre i 30 anni…e la prossima estate questa squadra è da rifondare al 50%…

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*