Roggi: “Che Pradè ci fosse o meno era uguale. Non aveva potere. Spero in Corvino”

Moreno Roggi, procuratore ed ex giocatore della Fiorentina, a Lady Radio dice la sua sull’addio a Pradè e il probabile arrivo di Corvino: “Mi dispiace per Pradè ma che ci fosse o meno era uguale perché non aveva potere decisionale. Era ormai esautorato dal suo ruolo. Sarebbe stato un buon direttore sportivo se avesse avuto l’opportunità di farlo. Corvino viene per fare il direttore sportivo non quello che ha fatto Pradè sino ad ora. Io mi auguro che possa tornare alla Fiorentina“.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

8 commenti

  1. Questa è mossa semplice da pronosticare hanno fatto fuori l’anello più debole della catena.
    Fin quando ci saranno loro puoi prendere anche il DS più bravo non cambierà mai niente.
    Non ci resta che aspettare il 2 settembre per decidere che fare.

  2. Roghi è uomo di calcio, se lo dice lui, che è nell’ambiente, sai quanto ci hanno riso dietro in queste stagioni ?

  3. E ora chi le farà le fotocopie?

  4. Eccone un altro che unn’ha capito nemmeno con chi ha a che fare.

    Eppure di mestiere fa anche il procuratore, ci ha trattato ai tempi di Ambrosini e chissà quante altre volte negli ultimi anni… Voglio dire, non ci dovrebbe volere molto per capire che “IN Fiorentina” CONTA SOLO GNIGNIGNI…

  5. Io credo che pagliacciate come milinkovic savic con corvino non ci saranno visto che il corvo e’ veramente smaliziato e figlio di…..prade’ lo prendevano in giro tutti i giocatorini di vent’anni….e basta regalare giocatori…..forza corvino….sfv

  6. Anche le persone di calcio ribadiscono che Pradè non aveva potere, poi mi vengono a dire che le campagne acquisti erano fallimentari, chissá perché.

  7. Via i ciabattini da Firenze!!!

  8. Con prade’ la parola d’ordine era ” rimanere in certi parametri” mentre con corvino sarà” non bisogna splafonare”😂😂

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*