Questo sito contribuisce alla audience di

Roma double-face: qual è il vero volto dei giallorossi?

Nessuno, neanche tra i più ottimisti, avrebbe immaginato un avvio di stagione di tale portata per la Roma. Orfano di Luciano Spalletti, Monchi ha puntato sul coming home di Eusebio Di Francesco, che dopo aver calcato il campo dell’Olimpico da giocatore adesso siede sulla panchina giallorossa: in dieci partite (da recuperare l’impegno con la Sampdoria) i capitolini hanno ottenuto ben 24 punti, frutto di otto vittorie e delle sconfitte contro Inter e Napoli. In Champions League, se possibile, la situazione è ancora migliore: la Roma ha praticamente ipotecato la qualificazione, stupendo tutti gli addetti ai lavori che la davano per spacciata nel gruppo con Chelsea, Atletico Madrid e Qarabag. Ma qual è il vero volto della banda di Di Francesco? Quello che ha travolto i Blues di Antonio Conte per 3-0 o quello ha battuto Torino, Crotone e Bologna con uno striminzito 1-0? Soltanto domani potremo rispondere al quesito, la speranza della Fiorentina è di trovare una squadra ‘con la pancia piena‘. Per i gigliati l’impegno con la Roma è un banco di prova piuttosto importante, anche se difficile, ma lo stesso vale anche per i giallorossi. Vincere al “Franchi” consentirebbe ai giallorossi di arrivare alla pausa per le Nazionali con cinque vittorie di fila tra campionato e Europa, mentre un pareggio o una sconfitta avrebbero l’effetto di ridimensionare leggermente le ambizioni del club di Pallotta.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*