Ruolo, timori e condizione: Eh sì, con Rossi ci vuole pazienza

Rossi Carpi 2

Rossi Carpi 2

Sarebbe stato davvero troppo bello se avessimo avuto subito a disposizione il Giuseppe Rossi che abbiamo ammirato all’inizio della sua avventura con la Fiorentina. Purtroppo però questa era solo una fantasia destinata a scontrarsi con la realtà. E la realtà ci dice che con Pepito ci vuole ancora molta pazienza. Ruolo ed identità in campo, ma anche timori nel portare palla e tentare qualche dribbling che pure avrebbe nelle corde e poi una condizione fisica tutta da ritrovare: sono questi i problemi che l’attaccante viola dovrà superare per tornare ad essere decisivo. Quanto ci vorrà nessuno è in grado di dirlo, ma sarebbe intelligente da parte di tutti non riporre grandi aspettative e pressioni immediate su di lui.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

13 commenti

  1. Rossi dovrebbe entrare a partita iniziata,e dopo due golletti di vantaggio.Cosi’ nn si sent irebbe troppo responsabilizzato e giocherebbe sereno. Gia’,ma i due golletti chi li fa??

  2. lo dico da mesi che Rossi non va caricato di troppe responsabilità, bisogna dar tempo al tempo, se x iniziare gioca le sei gare della fase a gironi da titolare e qualche spezzone in campionato comunque mette minuti e nn pregiudica nulla che anche giocando in 6 si passerebbe il turno . Pero’ Pepito anche se nn al meglio puo’ giocare ogni volta che sousa lo vorrà senza problemi perchè 1 conel ui il colpo puo’ trovarlo sempre ma altra cosa su cui sono in fissa da mesi e’ il suo ruolo,
    Se gioca da prima punta o comunque il piu’ vicino alla porta puo’ incidere anche al 60% e rischia di meno.
    In europa leagua, da punta , nelle gare che nn si giocano contro il basilea è capace di segnare pure ad occhi chiusi e con i gol pou ritrova maggior fiducia ,sicurezza e condizione x cercare e trovare giocata anche in impegni piu’ duri(dove un 10/15 minuti a partita puoi darglieli sempre )mentre la forma quella la troverà con il tempo.

  3. vista la condizione di rossi io lo farei giocare nel secondo tempo , farlo giocare all’inzio è come giocare in 10

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*