Sacchi: “Paulo Sousa e Montella hanno trasformato il calcio italiano”

Meno 0-0 e più partite spettacolari. Il gioco in Italia si è trasformato negli ultimi anni e una spiegazione sul perché sia successo prova a darla l’ex selezionatore della Nazionale, Arrigo Sacchi: “Il gioco – spiega Sacchi a La Gazzetta dello Sport – è stato creato perché sia offensivo e di squadra, per noi italiani invece è sempre stato difensivo e dei singoli. Il calcio internazionale, però, ha permesso a molti nostri allenatori di diventare “ottimisti” e di capire che l’elemento principale per avere successo è fare il proprio gioco, non soltanto interrompere quello degli altri. Paulo Sousa, Mancini e anche il Montella degli anni scorsi lo dimostrano”. Insomma in questo cambiamento, per Sacchi, la Fiorentina e i suoi tecnici hanno avuto un ruolo di rilievo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

2 commenti

  1. E basta con questa connesione al gioco di Montella! Quello di Sousa e’ nettamente piu’ dinamico, offensivo e spettacolare. Assulutamente non confrontabili.

  2. Dopo gli SCHIAFFI presi in Estate da SALAH E RAMY sentire da CONTE tutti gli elogi sia come società che come gestione è un risultato ENORME. CONTE fa gli elogi alla FIORENTINA… quando mai si sente dire certe cose da uno JUVENTINO ? Dobbiamo andare a DIRITTO e provare a vincere solo così possiamo crescere a livello Internazionale. Il primo MILAN di BERLUSCONI era come la Fiorentina mica aveva ottenuto grandi vittorie. BISOGNA VINCERE A TUTTI I COSTI QUALCOSA !!!!!!!!!!

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*