Salah, Berna, Pepito e mercato: Paulo Sousa a lavoro fin da subito

Paulo Sousa Basilea

Paulo Sousa Basilea

Non è ancora ufficialmente il nuovo allenatore della Fiorentina ma Paulo Sousa ha giù un’agenda fitta di impegni e casi da risolvere. Il tecnico portoghese dovrà gestire fin da subito situazioni intricate, a cominciare da Mohamed Salah: l’egiziano vuole giocare la Champions e non sarebbe rimasto indifferente davanti all’interessamento dell’Atletico Madrid. Assicurando al numero 74 viola un ruolo da top player nella Fiorentina che verrà, il tecnico portoghese potrebbe però convincerlo. Lo stesso discorso va fatto per Bernardeschi: il giovane esterno viola si sta guardando attorno (sulle sue tracce Inter, Milan e soprattutto Juventus) ma i viola sperano di trattenerlo, affidandogli un ruolo sempre più importante. Inoltre Sousa si informerà sulla salute di Pepito Rossi: il numero 49 in squadra sarebbe un valore aggiunto, ma senza di lui il portoghese chiederà un innesto in più. In entrata l’ormai ex tecnico del Basilea ha chiesto un terzino destro, due centrocampisti e un portiere.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

18 commenti

  1. Fucecchio viola abbestia, io so stare al mondo mi sa che te sei fuori dal mondo……………..e quando avrei criticato il lavoro degli altri forse perché ho detto che eravamo una delle poche società con un allenatore bravo che ne dicano alcuni e che ora siamo l’unica squadra della serie A che non tiene allenatore, oppure che non sappiamo se Salah rimane o Bernardeschi o Babacar e questo sarebbe criticare forse hai un concezione un po’ strana nel criticare e nel esporre i fatti .

  2. ANCORA NON HA FIRMATO MA HA L’AGENDA FITTA DI IMPEGNI MI SCAPPA DA RIDERE, DOVEVA ARRIVARE MIRANTE MA HO LETTO CHE Và ALLA SAMPDORIA,MA L’IMPORTANTE è ARRIVARE AL 17 POSTO CARO SOUSA PUOI PRENDERLA CON CALMA…….

  3. ..che commentatori fenomeni…andate al mare..incompetenti..presuntuosi. .

  4. Avevamo proprio bisogno di uno che lavorasse!! Se poi ogni tanto fa autocritica, fa dichiarazioni serie, non fa risolini, s’inc**** in panchina, cura la fase difensiva, insegna a tirare nello specchio della porta ai centrocampisti, insegna ai portiere ad uscire dai pali, fa giocare quelli che lo meritano e non quelli che gli sono simpatici, non fa ostracismo nei confronti di quelli che gli stanno sulle palle etc…allora finalmente potremo dire di avere un allenatore anche se arriviamo sesti!!!!

  5. @ Matt2k – vedi che non è la società che non li vuole trattenere, sono loro che se ne vogliono andare. Il problema è che quelli della “Cantera” quando arrivano in prima squadra pretendono ingaggi da top-player e vogliono il posto da titolare assicurato. Su Salah il discorso è diverso, noi non sappiamo se qualcuno gli aveva assicurato che di riffa o di raffa avremmo disputato la Champion, resta il fatto che Lui si era premunito inserendo la condizionale della sua volontà se rimane o meno.

  6. …non possiamo permetterci DI perdere Salah..ma al tempo stesso nemmeno Bernardeschi! Ora che cominciamo ad avere giovani interessanti..dobbiamo assolutamente trattenerli! Anche perché altrimenti non capisco la filosofia della società’ : Non abbiamo un grosso budget per il mercato… Dobbiamo coltivare la “cantera”… E allora non si possiamo vendere i giovani più interessanti proprio quando si cominciano a vedere i frutti degli investimenti..

  7. Fucecchio viola abbestia

    Fradiavolo veggente numero uno. Ma ti ETI. E impara a stare al mondo sempre a criticare il lavoro degli altri

  8. Riuscisse a convincere almeno uno tra Bernardeschi e Salah a rimanere sarebbe già un successo.
    Comunque, fosse x me o Berna rinnova o resta due anni senza vedere il campo. Non ci si può fare prendere per il c così ,che per di più anno scorso era rotto

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*