Salah ed una telenovela da esaurimento nervoso

Salah Sampdoria Grande

Come se non bastasse tutto quanto accaduto un anno fa, succeduto a svariate dichiarazioni a dir poco avventate da parte dei dirigenti della Fiorentina: dal “Salah sarà nostro per diciotto mesi” al “abbiamo già l’accodo per rinnovare il prestito”, passando poi per l’apparentemente improvviso dietrofront dell’egiziano (ma c’è chi giura che Salah non avesse mai avuto l’intenzione di rimanere a Firenze ed al 99% è questa la realtà). Poi il susseguirsi di promesse: “siamo pronti ad un’offerta da manicomio per Salah” e poi, una volta perso, “Salah non giocherà mai in Italia”, fino al passaggio alla Roma, con conseguente appello bellicoso alla Fifa ed il famigerato “E’ tutto in mano agli avvocati”. Ebbene anche alla Fifa la Fiorentina ha preso una bella “usciata” in faccia, con sbeffeggiamenti annessi, e mai venuti meno, da parte del procuratore Ramy Abbas. Ma non basta, perché la società viola farà ricorso al Tas, per una questione ormai quasi più di principio che altro, perché di squalifiche a Salah non se ne prevedono, di multe a Chelsea e Roma manco per idea e allora quello che resta è solo l’esaurimento nervoso provato dai tifosi viola in questa orribile ed insopportabile vicenda.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

12 commenti

  1. Per redazione

    Certo che fate passare cani e porci a scrivere sul vostro sito! Avranno pure diritto tutti a commentare ma vi state abassando a dei livelli veramente bassi!
    Poveri noi!!!

    Addio fiorentinanews
    Diamo spazio a tutti coloro che abbiano voglia di dire la loro. Redazione

  2. Redazione, sarebbe utile ricostruire tutto dall’inizio: se nn sbaglio Salah arrivò dagli inglesi nell’ambito dell’operazione Cuadrado. I due club raggiunsero un accordo per il quale la viola aveva il giocatore in prestito il giocatore per 6 mesi, con opzione di rinnovo del.prestito per un anno e possibilità di riscattarlo a 18 milioni l’anno successivo. Tuttavia il manager del.giocatore pretese una scrittura privata nella quale, i rinnovi di prestito e eventuali riscatti, erano subordinati all’accettazione da parte del giocatore. La Fiorentina, nella persona di Mencucci, sottoscrisse l’accordo ma nn lo depositò. Quel simpaticone di Ramy Abbas, forte dell’accordo, cominciò quasi subito a parlare con l’Inter e a giugno scoppiò il casino. Ora se ho detto cose inesatte, aspetto di buon grado le correzioni. Ma se è come ho scritto, che razza di causa vai a fare ?
    Lo abbiamo fatto, il primo gennaio abbiamo scritto tutta la verità sulla vicenda. Ecco qui il link http://www.fiorentinanews.com/esclusiva-tutti-i-retroscena-del-rapporto-salah-fiorentina-come-nasce-il-suo-arrivo-il-ruolo-di-ramy-abbas-la-carta-privata-e-loperazione-che-ha-fatto-saltare/ . Redazione

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*