Questo sito contribuisce alla audience di

Sanchez e il problema della continuità: in Colombia se ne lamentano

Un paio di apparizioni soltanto da titolare per Carlos Sanchez, giusto quando mancava Badelj, con risultati piuttosto scadenti dal punto di vista tecnico: il colombiano è stato abituato a reinventarsi nella sua militanza in viola, dato che l’anno scorso fungeva addirittura da terzo centrale difensivo. A Pioli però non sembra andare a genio, visto il poco spazio concessogli finora e anche la frecciatina dopo la sfida con la Juve (“chi subentra deve dare di più” disse il tecnico). Il minutaggio ha superato di poco i 200 minuti e questo rappresenta un problema anche per il rendimento con la Nazionale colombiana, di cui l’ex Aston Villa è un titolare inamovibile. Ieri la sconfitta sanguinosa dei suoi contro il Paraguay, con la stampa che ha sottolineato proprio la mancanza di continuità come problema evidente nel rendimento del centrocampista della Fiorentina. Una questione a cui sarà difficile trovare soluzione, in base a quanto visto finora.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

2 commenti

  1. Se di loro non ci si può lamentare non li compriamo

  2. Mezzo bidone con piedi di piombo

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*