Questo sito contribuisce alla audience di

SAPONARA PUOI FARE TUTTO, LIBERATI DAI FANTASMI DI MILANO. TELLO, VINCI LA TUA SCOMMESSA. BABA-KALINIC? MEGLIO LA RIVOLUZIONE

Pareggio amaro per una Fiorentina sfortunata a Marassi. Delle prospettive della squadra viola e delle varie dinamiche all’interno della rosa, Fiorentinanews.com ha parlato con l’intermediario di mercato Bernardo Brovarone.

Poco spazio per Saponara. Anche domenica però con il suo ingresso la Fiorentina ha avuto un altro piglio…

“Saponara non è arrivato a Firenze al top, non so se sia sempre bloccato da qualche problema. Per quello che vedo in campo pare aver riacquisto le sue forze. Mi aspetto tanto di più da lui; è un calciatore che fuori dall’area può trovare assist, creare gioco, produce molto. Penso che lo scarso minutaggio dipenda dalla condizione generale del ragazzo, che negli ultimi mesi e nell’ultimo anno ha avuto flessioni importanti. Il mister evidentemente non lo vede così tonico. Da lui si può trarre di tutto, un trequartista di riferimento, una mezzala; se inserisce la “quinta”, può esplodere, se resta a questi ritmi, non farà mai quanto potrebbe. La sua storia parla chiaro. Deve liberarsi un po’ dei fantasmi di Milano. Quest’anno si era fermato, anche per problemi con la società empolese, a Firenze si è rimesso in gioco”.

Nelle ultime gare stiamo vedendo un Tello in crescita

“Consideriamo che a Genova ha avuto spazio, Dodò l’ha sofferto tantissimo. Aveva la possibilità di iniziare il suo gioco molto più vicino all’area di rigore. Ha fatto praticamente l’attaccante esterno vero. Lui ad oggi ha più fiducia, intraprendenza, freschezza. Deve andare di sfondamento. E’ un calciatore che va recuperato giocando nella propria posizione. La causa principale delle difficoltà è la sua dolcezza. Ha dovuto apprendere l’agonismo. A livello difensivo c’è ancora tanto da lavorare. In Spagna giocava a campo aperto, divertendosi. Ora ha capito cosa sia la pressione. E caratterialmente non è stato facile superare tutta una serie di ostacoli e sofferenze. Mi auguro che riesca a vincere la sua scommessa a Firenze ed affermarsi. Ragazzo nelle righe e molto serio”.

Babacar-Kalinic coppia che può funzionare?

“A me non è mai piaciuta la miscela fra questi due giocatori. Sono situazioni difficili da sviscerare. Kalinic conosce bene i movimenti, sa fare reparto da solo. Vederlo giocare dietro un 9 come Babacar mi fa effetto, non ce lo vedo. Deve avere campo libero, giocando o con delle ali o con delle seconde punte vicino. Mi dà la sensazione che in un altro momento non l’avrebbe mai accettato. Adesso accetta un po’ tutto, anche in previsione di una futura cessione… Babacar è un giocatore che mi ha sempre trasmesso tanta simpatia, sempre piaciuto, ma non ha mai trovato la sua integrazione definitiva. Sempre molto approssimativo come presenza in campo. Non ha i movimenti del gran giocatore. Farei una rivoluzione in avanti fossi la Fiorentina, e fossi in Babacar andrei a giocare altrove”.

Maxi Olivera invece adesso è sparito dai radar e Milic trova spazio. Eppure l’uruguagio sarà riscattato dalla Fiorentina…

“Spesso è difficile capire il ragionamento del mister e le scelte di formazione. Olivera è stato riscattato a 4 milioni al momento della salvezza. E’ un calciatore che farà parte della Fiorentina. Probabilmente ci sono degli aspetti personali dietro la scelta di Milic; si parla di un ragazzo che da un punto di vista professionale e comportamentale è eccellente, e magari Sousa lo sta premiando queste ultime gare, non accantonandolo troppo. Può darsi si tratti di una scelta di questo tipo. Questa estate penso partirà, la Fiorentina cercherà un calciatore interessante a sinistra che si giocherà il posto con Olivera”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

1 Commento

  1. Magari a babacar mancassero solo i movimenti giusti.Non sa calciare sotto porta,non vede il compagno smarcato,non ha un gran controllo di palla,ed è elefantiaco nel muoversi.Questo è il momento di cederlo.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*