Sarebbe stato facile…

Col senno di poi viene anche spontaneo dirlo: “Sarebbe stato facile…”. Se non “facile”, almeno “più’ facile” raggiungere, rispetto alle precedenti stagioni, la qualificazione al terzo posto valido per i preliminari di Champions League. E’ palese come, ad esclusione della irraggiungibile Juventus, infatti, Lazio, Roma e Napoli non siano riuscite ad avere una continuità tale da chiudere il discorso legato alla seconda e alla terza posizione, lasciando come non mai tutto in discussione fino alla fine. Non ha fatto di meglio la Fiorentina di Montella, squadra che, a prescindere dai molteplici infortuni nei momenti chiave della stagione, non ha altrettanto mai saputo approfittare degli scivoloni delle dirette concorrenti per superarle o comunque avvicinarle. Almeno sulla carta, forse, gli uomini di Montella avrebbero dovuto e potuto fare di più. Ciò che salta agli occhi dei tifosi viola è che, da esaltanti e brillanti partite europee la Fiorentina sia passata a opache, sufficienti ed apatiche prestazioni in campionato anche contro le ultime della classe, anche contro squadre dalla cifra tecnica significativamente inferiore alla sua, vedi Genoa, Sassuolo, Empoli, Torino, Hellas Verona, Parma, Cagliari (chi più ne ha più ne metta). Di fatti, numeri alla mano, proprio queste sono state le occasioni in cui i viola hanno perso il treno che avrebbe potuto portati nell’Europa che conta. Un treno che, a onor del vero, è passato più volte, ma sul quale, per svariate ragioni, la Fiorentina non è mai salita.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

1 Commento

  1. Si ma che volete, il fenomeno preferiva l’EL, come se avessimo qualche speranza di vincerla.
    In campionato fa giocare solo le riserve delle riserve, non si sa mai fosse capitato di arrivare terzi.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*