Sarri: “Contro la Fiorentina nel primo tempo abbiamo retto il loro urto e nella ripresa abbiamo provato a vincere. Non siamo in crisi, lo dimostrano i numeri”

Sarri in primo piano. Foto: Activa Foto

Maurizio Sarri, tecnico del Napoli, ha parlato in conferenza stampa alla vigilia della gara dei partenopei contro il Chievo, in programma domani al San Paolo alle 20.45. L’ex tecnico dell’Empoli si è soffermato anche sulla gara giocata lunedì contro la Fiorentina: “La squadra ha fatto un’ottima prestazione con la Fiorentina, reggendo il loro urto nel primo tempo e provando a vincere nella ripresa. Le difficoltà più grandi ce le siamo create da soli. Abbiamo sbagliato qualcosa nel momento in cui loro si sono messi a tre dietro, abbiamo perso metri di baricentro ed è stato problematico. Poi nella ripresa siamo saliti e questo ci ha portato benefici enormi, nel primo tempo la riconquista del pallone era vicino alla nostra area e andavamo in difficoltà. Poi siamo riusciti a riequilibrare la partita, ma un po’ troppo tardi: ci fossimo riusciti già nei primi 45′, avremmo creato più occasioni. Il problema è che non abbiamo finalizzato bene le occasioni create, abbiamo subito poco ma ad ogni occasione siamo stati puniti. Calo fisico? A febbraio abbiamo giocato partite in cui in totale abbiamo creato 29 palle gol e ne abbiamo subite 13. Con la Fiorentina ci sono dati che ci dicono si tratti della miglior prestazione stagionale. Le opinioni si rispettano, i numeri non si discutono”.

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

5 commenti

  1. Toscanello viola

    Ringrazia la traversa fenomeno se no erano 3 urti in faccia a te !!!!

  2. Mi sa caro Sarri che l’urto tu l’ho abbia avuto nel cervello , ma che ti fumi .

  3. Ma icche dice. Se il primo tempo finiva 3-0 non c’era nulla da dire. Stimo sarri, ma siamo sicuri che fumi sigarette?!

  4. Ma un po di onestà no eh! Dicendo ke t’hai avuto un gran ****…vaia vaia sarri! Sarri **** Sarri ****….

  5. A dire il vero è’ la traversa che ha retto 2 urti….ma di che parli?

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*