SARRI DAREBBE GRANDE ENTUSIASMO, GIAMPAOLO AFFASCINANTE SALTO NEL BUIO. STAGIONE DA FINIRE CON DIGNITA’. E SUL RISCATTO DI TELLO…

Si prospetta un difficile finale di stagione per la Fiorentina. Di attualità e prospettiva Fiorentinanews.com ha parlato con Bernardo Brovarone, intermediario di mercato.

Cristian Tello, si parla di 5 milioni e mezzo per il suo riscatto. Cosa fare con lo spagnolo?

“Credo che sia un calciatore che certamente ha mostrato dei limiti. Allo stesso tempo però non è mai stato messo nella condizione di giocare nel suo ruolo preferito, quello di attaccante. Si è voluto insegnargli un ruolo, con contenuti tecnici e fisici che non ha nelle sue corde. Lui è stato tenace, e nel sopportare anche tutta l’atmosfera che gli si è creata intorno per il suo sotto-rendimento. Se dovesse arrivare un allenatore che gioca col 4-3-1-2, dipenderà molto dal mercato, Tello può fare tranquillamente la seconda punta. Il 4-3-3 invece per lui sarebbe la perfezione. Il calciatore farà una valutazione con il direttore, e dovranno riuscire a fare le valutazioni giuste. 5.5 milioni, nel giusto contesto, per un ragazzo con questa esperienza internazionale, non sono poi così tanti”.

Parliamo del dopo Sousa. Fra i vari nomi dei candidati alla panchina viola, su chi puntare?

“Il nome di Sarri sarebbe motivo di grande entusiasmo a Firenze. Costa molto, ma potrebbe essere una carta meravigliosa. Corvino ha considerazione enorme dell’uomo e del tecnico, ma non so se ci possano essere i presupposti. La Fiorentina temo abbia già fatto la sua scelta, e vada su un allenatore che porti minore pressione sul mercato e costi contenuti; non un allenatore già fatto, pertanto ho la sensazione che Giampaolo possa essere l’uomo prescelto. Un altro profilo è Di Francesco, anche lui ipotesi ideale per la Fiorentina. Sicuramente è stato il primo ad essere contattato, era il prescelto, ma è possibile che non si siano trovati i compromessi”.

Che considerazione ha di Giampaolo?

“Giampaolo rappresenta un salto nel buio: bene bene o male male, non ci saranno mezze misure; se venisse, la Fiorentina si prenderebbe un bel rischio, sicuramente affascinante. I Della Valle devono trovare un tecnico non solo capace, ma anche in grado di infiammare la piazza, e non è facile”.

Mancano 11 partite alla fine della stagione, e l’obiettivo Europa appare molto difficile. Come deve sfruttare queste gare la Fiorentina?

“Non è facile conciliare le prospettive delle varie componenti: mister, squadra e dirigenza. Ritengo che la società, in tutte le sue figure, attraverso tanti errori sia andata in grande sofferenza ed abbia perso molto di credibilità; questo vale anche per la squadra. Il finale di stagione è l’occasione per i calciatori per restituirsi dignità, rendere merito a chi li ha sempre seguiti e mai traditi. Il professionista vero deve trarre spunti positivi anche da momenti della carriera in cui è difficile trovare obiettivi tangibili. Si devono dimostrare uomini. Alcuni calciatori hanno già la convinzione di lasciare la Fiorentina, altri ci vogliono stare, e devono dimostrare di poterlo fare. I calciatori non possono permettersi di speculare su questa situazione: quando si arriverà ai contratti a rendimento sarà un grande punto di arrivo. Il momento è caldo, la delusione è tanta: è necessario tirare fuori il massimo”.

Possibile anche il lancio di qualche giovane…

“Alle giuste condizioni sarebbe giusto dare spazio a qualche giovane che sta facendo bene in Primavera. E’ un processo che va accelerato; le riflessioni devono essere fatte in modo adeguato. Normale che sarebbe opportuno valutare i giovani con l’allenatore del futuro, questo però non è possibile, e allora occorreranno valutazioni a distanza con il tecnico che sarà. Serve il coraggio di rischiare su questi ragazzi, perché poi si possono avere risposte molto sorprendenti”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

13 commenti

  1. Io preferirei sarri per una questione di persona che ha carattere e non ha peli sulla lingua farebbe bene a tutto l’ambiente.. Se non lui io vedrei bene maran che con giocatori di qualità potrebbe fare molto molto bene

  2. SOUSA non è stato scelto da CORVINO. Perchè si deve puntare su GIANPAOLO che vuole rimanere alla SAMPDORIA ? Che rimanga pure a GENOVA. Perchè non puntare su RANIERI O EDY REJA ? Sono allenatori esperti, e su SARRI temo che si va troppo lontano e dubito che DE LAURENTIS lasci libero il proprio allenatore ad una concorrente. Io punterei si EDY REJA è già libero da subito.. se andiamo troppo per le lunghe si commette lo stesso errore commesso lo scorso anno rimandando tutto a LUGLIO.

  3. IL NUOVO ALLENATORE DOVRÀ DIRE LA SUA SU CUI PUNTARE E CHI CEDERE..CORVINO NON HA ANCORA CAPITO CHE L’ALLENATORE NON PUÒ FARE GIOCARE CALCIATORI CHE NON SI SPOSANO CON IL SUO GIOCO..SE CI SARÀ UNITÀ DI INTENTI SI PUÒ FARE UN DISCRETO LAVORO ALTRIMENTI È COME ADESSO..IL CAOS TOTALE

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*