Sconcerti: “Fino a domenica ero pessimista, ora vedo una squadra competitiva. Questo il campionato della sorpresa”

image

Ospite a Radio Bruno, Mario Sconcerti parla del momento viola: “E’ finito lo strazio per cui ogni risultato era legato ai pro e contro Della Valle. Ora si può pensare solo al calcio finalmente, a quello che faremo o saremo. Non bisogna preoccuparsi di vincere, è il massimo del masochismo fiorentino questo. Io domenica mi sono rilassato solo al quarto gol, però non si può nemmeno evitare di essere ottimisti, io non lo ero fino a domenica. Siamo competitivi e possiamo giocare con chiunque, poi naturalmente si può perdere ma ora vedo che la squadra c’è. Prima non lo vedevo. Sforzo dei Della Valle? Che dietro manchi qualcuno lo sappiamo, per sopperire alla lacuna bisogna cambiare modulo a volte però la squadra è buona. E oltretutto questo ha tutti i sintomi per essere il campionato giusto per accogliere una sorpresa. Siamo tornati ad un campionati stile anni ’70. L’ultima volta in cui la Juventus aveva 5 punti dopo 6 giornate, il campionato lo vinse il Cagliari e la Fiorentina arrivò seconda. Ci sono squadre più attrezzate, dobbiamo però essere una comunità perfetta e non ricominciare con i disfattismi quando arriverà una sconfitta”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

12 commenti

  1. I' grillo canterino

    Tocchiamoci gli attributi perché questo porta sfiga al pari di Beha e compagnia bella e pessimista. Sono tutti dietro l’uscio col fucile puntato e sparare alla prima sconfitta viola. Forza Viola sempre e comunque, la Fiorentina si ama non si discute, sempre il cuore oltre l’ostacolo. E’ una frase retorica ma è sempre bello sentirsela dire.

  2. Crederci al massimo ma ora testa solo all’Europa.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*