Questo sito contribuisce alla audience di

Sconcerti: “I Della Valle si sono resi conto che più di così è impossibile gestire la Fiorentina. Se Badelj parte non sarà un affare per i viola”

Sono tantissimi i temi argomentati dal giornalista e tifoso viola Mario Sconcerti a Radio Bruno Toscana, dalle ambizioni europee della Fiorentina fino ad arrivare al futuro di Badelj e l’assenza sempre più continua dei Della Valle a Firenze: “La Sampdoria è più avanti della Fiorentina che lavora insieme da un anno, non migliore. Magari la Fiorentina tra tre anni inserirà giocatori “alla Veretout” che sarebbero perciç funzionali a questo progetto, ovvero quello di agganciare le prime quattro. Il vero avversario della Fiorentina nella corsa all’Europa League sarà il Torino, anche perché il Milan ha un organico nettamente più forte. Se Badelj vuole andare a guadagnare di più vada, ma giocatori di questo tipo o li cedi per fare un affare o non li cedi, e per i viola non sarà un affare. Sull’assenza dei Della Valle da Firenze non possiamo nemmeno fare un parallelo con l’Inter, visto che il figlio di Zhang è sempre a Milano e presto diventerà presidente. L’assenza di Andrea Della Valle è strutturale, spesso bisogna scendere tra le maestranze e far sentire la propria presenza per dettare una linea. Loro si sono resi conto che più di così è impossibile gestire la Fiorentina, perché il mercato dei calciatori è diventato più caro negli ultimi anni. Ma un conto è sbagliare giocatori, e lo è stato fatto reiteratamente e in ruoli precisi, un conto è sbagliare dal punto di vista finanziario e i viola volente o nolente sono la società più sana della Serie A. Ma sono qua da quindici anni e può essere anche che si siano stancati della Fiorentina, se vogliono andare se ne vadano ma chiamarli “scarpai” e “marchigiani” è peggio che essere chiamati “clienti”: dopotutto né da parte loro, né da Firenze c’è stata finora la volontà di un riavvicinamento. A loro è stato chiesto solo di cacciare soldi, e questo non vuol dire certo costruire un rapporto”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

14 commenti

  1. ohoh Berni, se te ogni volta che vai allo stadio con tuo figlio affianco, ti senti dire dalla curva figlio di ……., il che faresti?

  2. grande sconcerti come al solito.. il bello è che i tifosi se la prendono perchè sono stati chiamati clienti e poi danno di permalosi ai dv perchè se la prendono a chiamarli scarpai o ciabattini… chi è più permaloso in questo gioco al massacro della stupidità? io un ‘idea ce l’ho…

  3. E chi se ne impipa dei Della Valle. Quando una storia e’ finita, e’ finita. Ed è stata colpa loro. Punto. Levare le ancore e spingersi al largo e senza rimpianti. Nessuno sulla riva col fazzolettino.

  4. L’Ardito ora ha la fissa con i fiorentini/toscani che avrebbero fatto tremende angherie e ordito incredibili trame per danneggiare queste anime belle che vengono dalle marche.
    Come dice Andy, le cose nn stanno esattamente come dice lui, ma in questo momento “storico” direi che il punto nn è più nemmeno questo.
    Delle molte cose dette dai dv, che poi sono state smentite dalla prova dei fatti, vorrei che almeno su una mantenessero quella che nelle loro intenzioni era una minaccia, ma che per molti (moltissimi, quasi tutti) oggi sarebbe una specie di strenna di Natale: “se nn siamo più graditi, siamo disposti ad andarcene !”.
    Come già detto molte volte, anche ammettendo per assurdo che le colpe siano tutte di questa città, della nostra gente, che loro siano dei gran bravi ragazzi maltrattati e vilipesi da noi cattivacci, o per dirla con andreino “persone poco perbene”, perché nn sene vanno ???
    Invece, solo per ricostruire le ultime uscite pubbliche, qui siamo alle scaramucce. Siamo passati dal comunicato pubblico nel quale si “metteva in vendita la società” e si faceva gli offesi (Firenze deve dirci da che parte stà) solo per giustificare l’ennesimo pesantissimo ridimensionamento tecnico della squadra, al recentissimo segnale che in pratica era: a me diego, continua a fregare un tubo della Fiorentina, ma il mi fratello, la domenica anziché stare davanti alla tv, potrebbe anche venire allo stadio.
    Questi credono ancora di poter ricominciare i giochini dei “cicli”, che si aprono e si chiudono quando diventano troppo onerosi (per loro) indipendentemente dalle questioni tecniche.
    Si vede che dopo due lustri e mezzo, ancora nn hanno capito nulla di questa piazza: game over ! È finita ! The End !

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*