Sconcerti: “Se i tifosi viola vogliono vincere sappiano che hanno sbagliato squadra”

Sconcerti

Il giornalista Mario Sconcerti parla così a Radio Bruno durante il filo diretto con gli ascoltatori:

“Mi aspettavo un calo della Fiorentina ma non pensavo che potesse essere così. Credo che le colpe vadano ricercate a livello psicologico, c’è stato un grande silenzio della proprietà insieme a tante critiche. Inoltre quando qualcosa non va bene diamo le colpe ai Della Valle. Oggi la Fiorentina non ha un goleador, l’Inter a Frosinone ha svoltato grazie a Icardi mentre a noi adesso serve un giocatore così. La Fiorentina è una squadra che può stupire e raramente vincere, lo dice la storia. Credo che si debba vivere più dentro la realtà e accettare gli sbagli come le cose buone: noi pretendiamo vincere ma ribadisco, chi vuole vincere ha sbagliato squadra e città”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

45 commenti

  1. …..”a noi serve un giocatore così”…e smettila di spacciarti per tifoso Viola. Vai ad incantare i serpenti!!!!!!

  2. ………”a noi serve un giocatore così…..”e finiscila di spacciarti per tifoso Viola.

  3. Gameirò era un bel prospetto già 4/5 anni fa, poi si era un po perso. Poco fisico ma tecnica e velocità fuori dal normale. Temo costi troppo oggi, andava preso prima. Poi gli va fatta anche un po di tara, gioca in Spagna (unico paese senza legge antidoping )

  4. Non saremo una squadra vincente, ma i Pontello e Cecchi Gori una coppetta l’hanno vinta. Spendevano . Questi hanno il braccino corto e vinceranno la coppa del nonno

  5. Lo so benissimo che i diritti TV non sono uguali a quelli italiani ma nel caso del Leicester contano fino a un certo punto perché, ripeto, stanno entrando nella storia della premier con Vardy che fino a qualche anno fa lavorava in fabbrica, Mahrez, sconosciuto ai più preso dal le havre ( no il PSG), Kante’ , giocatore che in italia sarebbe supr titolare in qualungue squadra, preso dal Caen a titolo gratuito e mi soffermò qui per non dilungarmi. In sostanza i soldi sono importanti ma fino ad un certo punto, conta tantissimo l’ organizzazione societaria e la cultura vincente.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*