Se ne va “Petisso” Pesaola: il secondo tecnico scudettato della storia viola

Se n’è andato in queste ore anche il secondo allenatore della Fiorentina scudettata (il primo era stato Fulvio Bernardini, deceduto nel 1984): ci ha lasciato infatti Bruno Pesaola, un personaggio che dall’Argentina venne a caratterizzare il calcio italiano. Petisso fu protagonista sulla panchina viola proprio nel triennio 1968-1971, quello che vide la Fiorentina yeyé conquistare il secondo titolo nazionale, ma risiedeva da anni ormai a Napoli. Pesaola avrebbe compiuto 90 anni il prossimo 28 luglio ed era stato ricoverato per problemi di circolazione all’Ospedale Fatebenefratelli. La redazione di Fiorentinanews.com porge le condoglianze del caso alla famiglia Pesaola.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

18 commenti

  1. enrico(il saluzzese)

    Grazie GIUSTI per aver elencato i giocatori!!Di longoni non ricordo nulla mentre di altri ricordo anche le espressioni che avevano in campo.Il ricordo più nitido quello di Ferrante..un gigante dal viso buono.Che bella quadra!Ed hai ragione ,si poteva replicare ma allora c’era il cagliari che rompeva i…maroni.Ciao Graziano!

  2. Graziano Giusti

    Grande Petisso, umanità e concretezza. E un altro calcio, dove c’era spazio ogni tanto anche per le “sorprese”. La squadra aveva tecnicamente solo tre pedine di alto livello: Amarildo, Chiarugi e De Sisti. Poi dei molto buoni giocatori (Merlo, Esposito, Rizzo, Maraschi, Brizi) e degli ottimi giovani (Superchi, Ferrante, Rogora, Mancini, Longoni). E un perfetto impasto grazie a Pesaola. Non c’era bisogno di essere “magnati” (nè magnoni) per vincere. Si poteva replicare anche l’anno dopo…

  3. Grazie per lo scudetto!!…grande mister Pesaola…

  4. Tony47 Perugia

    Ricordo anch’io che quando arrivò a Firenze disse che con quella squadra avrebbe vinto lo scudetto, e così fu. Ps. ero fidanzato con l’attuale moglie e si fece insieme una promessa, che se avessimo vinto lo scudetto avremmo fatto l’amore (x la prima volta) e andò bene anche lì, quell’anno fu una bella doppietta davvero. Riposa in pace piccolo grande uomo.

  5. Grazie per la gioia dello scudetto…riposa in pace..

  6. Ti ricorderò sempre come uomo genuino. Riposa in pace.

  7. lucabilly1963, da Atene, Grecia

    Passai il primo anno allo stadio, fisso in Maratona sotto il bandierone col babbo e con nonno. Una cosa impressionante, quella cavalcata alla Vittoria. Il Petisso era unico con quelle manine a destra e a manca, colla cicca fissa in bocca, con Picchio in campo che pareva la sua ombra. Non so… Grazie Pesaola. Riposa in pace te che hai dato gioia alla liberta` di un popolo, quello viola che aveva gia` annusato il fetore dell’andazzo a strisce. Domenica lutto al braccio per questo genio del calcio

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*