Semplici: “Minelli e Diakhatè i giovani viola da seguire. Babacar ha bisogno di più spazio, il 4-2-3-1 non è adatto a lui”

Leonardo Semplici, ex tecnico della Fiorentina Primavera ed attuale allenatore della Spal, è intervenuto a Radio Blu: “Giovani? Credo che per i giovani trovare spazio nella Fiorentina attuale sia difficile. L’arrivo di Bernardeschi è Babacar in prima squadra è già qualcosa e per la società questa è una vittoria. Riguardo gli altri ragazzi penso che sia giusto mandarli a fare esperienza in Serie B o in Lega Pro, come fatto in passato da Babacar e Bernardeschi, per poi riportarli a Firenze tra uno o due anni. Nomi? Minelli ha delle caratteristiche importanti, Diakhatè fa già parte della rosa della prima squadra. Nel calcio di oggi difficilmente si passa direttamente dalla Primavera alle prime squadre, c’è quasi sempre bisogno di mandarli a giocare. Babacar out? Chiaramente Paulo Sousa li vede tutti i giorni e se per le prime due partite ha preferito Kalinic l’ha fatto perché gli è sembrato più in forma. Nonostante questo se la Fiorentina punta realmente su di lui, come io credo, dovrà farlo giocare. Il 4-2-3-1 non è il modulo ideale per lui, il senegalese gioca meglio con un attaccante vicino, anche perché può risparmiarsi in fase di non possesso e dare il meglio di se in fase offensiva. I due potrebbero giocare anche in coppia, con il croato ad agire da prima punta e Babacar dietro di lui”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA