SENZA APPELLO!

Un test da dentro o fuori. La partita contro il Lech Poznan è una di quelle senza appello: perdere significherebbe aver compromesso il proprio cammino in Europa League, mentre vincere è teoricamente indispensabile se questa Fiorentina ci tiene ad andare avanti. E se tra i tifosi il dibattito aperto (molti sostengono che è meglio pensare solo ed esclusivamente al campionato), Paulo Sousa dimostra che ci tiene, eccome, a questo trofeo. A dimostrarlo ci sono le scelte fatte domenica scorsa con Astori, Blaszczykowski, Vecino, Bernardeschi, Ilicic, Rossi e soprattutto Kalinic, lasciati inizialmente in panchina contro il Frosinone (mentre Alonso era in tribuna). Nomi di primo piano lasciati a riposo proprio per essere pronti per la trasferta in Polonia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

5 commenti

  1. Graziano Giusti

    Porta male stare a scegliere. Alla fine non pigli da nessuna parte…Facciamo il possibile x passare il girone, poi si vede…

  2. Il girone si deve assolutamente superare per l’immagine europea che la fiorentina vuole e deve avere!! Che dopo si debba avere un occhio di riguardo verso il campionato son d’accordo ma superare il girone è il minimo come traguardo europeo! Senza dimenticarci che se si fanno buoni punti nel giro di un paio d’anni si riprendono i 4 posti in champions e non è affatto un elemento trascurabile, diciamo che vincere ora in europa league è un investimento per il medio lungo periodo! Oltre al fatto che vincere vuol dire aumentare il proprio punteggio nel ranking di squadra affinché non ci si ritrovi in seconda fascia in europa league e quindi per avere sorteggi più favorevoli..

  3. Ma che ***** sta storia dei soldi. Ma che entrano in tasca a voi? L’anno scorso non abbiamo perso il terzo posto per l’Europa League, l’abbiamo perso perchè dopo la semifinale persa in quel modo coi gobbi abbiamo perso quella sicurezza e lo smalto che avevamo. La squadra ha tranquillamente la rosa per andare avanti in Europa League, e DEVE farlo. A forza di sti discorsi delle balle in 10 abbiamo perso il quarto posto in champions e il livello medio del nostro campionato si è abbassato.

  4. Ha ragione chi dice che la nostra rosa non può reggere tre competizioni ad alto livello per cui io sono uno di quelli che dice di lasciar perdere la EL ( che non porta soldi ma solo fatiche) e concentrarci in primis sul Campionato e poi, semmai, sulla Coppa Italia. Non facciamo l’errore dello scorso anno quando abbiamo buttato al vento il terzo posto per rincorrere le lusinghe della EL. Terzo posto in Campionato = soldi = buoni giocatori = possibilità di rimanere in alto e di lottare per vincere

  5. In Polonia per vincere e………..vinceremo!

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*